TwitterFacebookGoogle+

Libere, disobbedienti, innamorate

Recensione di Roy Menarini del film di Mayssloun Hamoud (Mymoovies 9.4.17) “Drammatico e umoristico al tempo stesso, il film di Maysaloun Hamoud è caratterizzato da un forte dialogo tra personaggi e spettatrici”

“”Ci sono almeno tre aspetti che rendono interessanti, nello scacchiere informativo e cinematografico contemporaneo, film come Libere disobbedienti innamorate – In Between. Il primo è geopolitico. A parte chi segue con interesse, passione e spesso sgomento, lo scenario internazionale, non sono molti coloro che riescono a orientarsi nel ginepraio etnico, religioso, bellico che in questo momento investe il Medio Oriente. In mezzo alle tragedie siriane, yemenite, irakene e così via, c’è una situazione che sembra sempre – purtroppo – attuale e immobile: quella israelo-palestinese. Ma se è vero che il cinema se ne è occupato in lungo e in largo, bisogna ammettere che della minoranza arabo-israeliana, abitante nello stato ebraico, sappiamo pochissimo. E ancora meno sappiamo della questione femminile, sospesa tra modernità e tradizione, delle donne arabe a Tel Aviv, che il film racconta con affetto e comprensione. Così come le comunità arabe in giro per l’Europa (spesso al centro del cosiddetto cinema della diaspora o del métissage), anche le minoranze dentro nazioni non sempre accoglienti garantiscono di dare volto e umanità a persone altrimenti lontanissime dalla nostra esperienza quotidiana.
Il secondo aspetto è quello femminile. In molti casi, essendo la condizione della donna la cartina di tornasole dei grandi rivolgimenti storici, la rappresentazione del femminile prende il centro della scena in un cinema libertario e dal sapore emancipatorio. Film come Mustang, Mooladé, Fire, Kadosh, Il cerchio e tanti altri hanno raccontato di un fil rouge che attraversa realtà differenti, società inconciliabili, regimi misti, eppure tutti perfettamente allineati sul tema della repressione dell’identità femminile. A sua volta il femminile diventa il territorio del riscatto (difficile, talvolta impossibile) come sinonimo di libertà, quasi che avesse sostituito quell’internazionalismo socialista e proletario ormai sconfitto dalla storia – e ulteriormente sepolto con il fallimento delle primavere arabe.

Infine, un terzo aspetto è quello del pubblico, cui Libere disobbedienti innamorate – In Between è rivolto. Sarebbe importante che venisse esteso e riuscisse a includere anche le generazioni più giovani, visto che la condizione della donna (sia pure per fortuna molto più integrata nel nostro Paese che nei regimi dittatoriali) continua ad essere al centro del dibattito.
Chissà che cosa ne pensano le nostre studentesse o le giovani lavoratrici nostrane di persone come Leila, Salma e Noor – le protagoniste del film – e chissà se ne comprendono il desiderio di scrollarsi di dosso i retaggi culturali e l’ansia di libertà, avendola invece a disposizione e talvolta non sapendo bene che farsene.

Nessuno deve comunque scandalizzarsi nel rinvenire nel film Libere disobbedienti innamorate – In Between le caratteristiche di una tipologia riconoscibile: cinema drammatico e umoristico al tempo stesso, da festival, che cerca un suo ascolto presso spettatori informati, curiosi, democratici, e con un dialogo ancor più forte tra personaggi e spettatrici. Le quali, dirette destinatarie del film di Maysaloun Hamoud, potrebbero ricordare alle figure maschili della loro vita che, sì, altrove si sta anche peggio, ma che proprio per questo è necessario comprendano ciò che loro, uomini, hanno sempre fatto e continuano a fare alle donne in nome di qualche astrazione prevaricatrice.””

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.