TwitterFacebookGoogle+

Libia: in fiamme 3 serbatoi di petrolio a Sidra, rischio di altri incendi

(AGI) – Bengasi (Libia), 26 dic. – In Libia si sono estese ad altri due serbatoi di petrolio le fiamme partire ieri da un’altra maxi-cisterna centrata da un razzo lanciato dagli islamisti della coalizione dell’alba (Fajir) contro ill piu’ grande deposito petrolifero libico, quello di Sidra, vicino al terminal di Ras Lanuf. Lo riferisce il portavoce della sicurezza locale, nella turbolenta regione orientale della Cirenaiza, Ali al-Hassi, sottolineando il rischio che l’incendio possa propagarsi ad altri serbatoi. Nell’attacco di ieri sono morti 22 soldati libici. Gli scontri sempre piu’ forti degli ultimi giorni hanno ridotto la produzione di petrolio della Libia, tornata nel mesi scorsi ad oltre 900.000 barili al gionro a soli 352.000, riferisce la compagnia statale Noc. Tra il deposito di Sidra ed il terminal di carico di Ras Lanuf passavano, fino alla chiusura, 300.000 barili al giorno. Sidra e’ gestita dalla Waha Oil Co, una joint-venture tra la stessa Noc e le statunitensi Hess, Marathon e Conoco Phillips. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.