TwitterFacebookGoogle+

Libia, rapiti due italiani

Roma – Due italiani sono stati rapiti in Libia. Lo hanno riferito fonti del ministero degli Esteri. La Farnesina è informata della vicenda da questa mattina e sta seguendo gli sviluppi insieme alle altre articolazioni dello Stato, si apprende dalle fonti, le quali sottolineano che si lavora con il massimo riserbo tenuto conto della delicatezza della situazione. I due italiani sono stati sequestrati insieme con un cittadino canadese nella citta’ libica di Ghat, nella regione meridionale del Fezzan, a pochi chilometri dal confine con l’Algeria.

Secondo quanto riferisce il sito libico “el Wehda”, i tre sarebbero operai di una azienda italiana, la Conicos, che ha condotto i lavori di manutenzione della pista dell’aeroporto della citta’ di Ghat. Il rapimento e’ stato confermato dal ministero degli Esteri libico. Il funzionario locale Qumani Mohammad Saleh ha riferito che al momento non e’ ancora chiara l’identita’ del gruppo che ha compiuto il sequestro. Finora non e’ arrivata alcuna rivendicazione. La regione del Fezzan e’ amministrata dal governo di accordo nazionale di Tripoli riconosciuto dalla comunita’ internazionale. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.