TwitterFacebookGoogle+

L’imam omosessuale che celebra matrimoni gay nel nome del Corano

imam omosessuale-Redazione- Ludovic-Mohamed Zahed sta facendo parlare di sè come Imam “al passo con i tempi” e impegnato nel sostegno dei diritti per le coppie omosessuali, a tal punto da girare l’Europa per celebrare matrimoni gay secondo il rito musulmano.

Nato in Algeria 37 anni fa, ma trasferitosi da bambino in Francia con la famiglia. Ludovic-Mohamed Zahed è convinto che “se il Profeta Maometto fosse ancora vivo non avrebbe problemi a sposare coppie gay”.

 Profondamente religioso ed erudito del Corano, non vuole rinunciare a professare la sua fede e nemmeno negare la sua omosessualità, certo che nel Corano nulla induca a condannarla. Ne è così sicuro da aver aperto, a Parigi, l’anno scorso, la prima moschea definita gay-friendly, unica al mondo.

Non solo, l’Imam si sta impegnando a viaggiare in tutta Europa per celebrare matrimoni tra persone dello stesso sesso secondo il rito musulmano.

L’ultimo risale alla scorsa settimana, a Stoccolma, ed è stato quello tra Sahar Mosleh e Maryam Iranfar, due donne di origine iraniana. Il matrimonio in Svezia è stato l’ennesima occasione per ribadire le sue idee e portare avanti la sua battaglia, anche se l’allegria delle nozze era offuscata dal fatto che il compagno, Qiyaammudeen Jantjies, sposato in Sud Africa due anni fa, l’aveva appena lasciato.

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.