TwitterFacebookGoogle+

L'Indonesia vuole la fatwa contro chi diffonde bufale in rete

Dopo una serie di falsi allarmi rimbalzati sui social media, il più alto consiglio islamico dell’Indonesia ha deciso di combattere le fake-news con la fatwa. Una vera e propria condanna religiosa alle bufale che, soprattutto nell’ultimo periodo, hanno reso la “situazione preoccupante” nel Paese, sostiene Maaruf Amin presidente del gruppo di teologi, assicurando che la legge “verrà emessa il prima possibile, nella speranza che alla fine i musulmani non saranno più coinvolti nella diffusione di notizie false”.     

Fake news che prendono di mira le minoranze etniche

La decisione, si legge sul Jakarta Post, è stata presa dopo un aumento della diffusione di notizie false che avevano preso di mira le minoranze cinese e cristiane, alimentando le recenti tensioni etniche e politiche nel Paese musulmano che vanta il numero più alto di utenti Facebook e Twitter del mondo. Ma soprattutto perché a metà mese, nell’area metropolitana di Jakarta, ci saranno le elezioni per il nuovo governatore.

Attualmente in carica c’è Basuki Tjahaja Purnama, noto come Ahok, di origini cinesi e  una vittima illustre delle fake news. Qualcuno, infatti, si sarebbe ‘divertito’ a scrivere dei sottotitoli sbagliati a un suo video distorcendo completamente il significato delle sue parole e provocando l’ira dei fedeli musulmani che chiedevano giustizia per le affermazioni di Ahok.

Il malcapitato, che per questa vicenda ha subito anche un processo per blasfemia, nel video avrebbe commentato l’uso strumentale del Corano da parte del suo concorrente islamico, cosa poi rivelatasi falsa. Circolava anche la voce che il suo programma di vaccinazione gratuita fosse il tentativo di rendere le ragazze sterili così da ridurre la popolazione indonesiana.

Il presidente Widodo ha più volte sollecitato utenti dei social media ad astenersi dal diffondere falsi messaggi; la lotta alle fake news sarà una priorità per la polizia indonesiana, in quanto la loro circolazione ha il potere di seminare il panico tanto quanto l’esplosione di una bomba.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.