TwitterFacebookGoogle+

L'Isis ha sperimentato veleni sui prigionieri. Come i nazisti

Lo Stato Islamico ha sperimentato veleni sui sui prigionieri per contaminare cibo e bevande in Occidente. Lo rivela il Times che cita documenti trovati nell’università di Mosul, in Iraq, liberata dall’occupazione delle milizie islamiste.

Ecco quello che sappiamo

  1. I jihadisti avrebbero avvelenato per giorni i pasti dei prigionieri con composti di pesticidi, tallio, nicotina e altre sostanze.
  2. L’obiettivo degli esperimenti è la preparazione di un massiccio attacco chimico contro obiettivi occidentali, in Europa e Stati Uniti
  3. L’Isis ha usato armi al cloro e all’iprite contro i curdi e le forze irachene. Non ha mai usato invece agenti nervini, più difficili da produrre e gestire. 
  4. Due i casi documentati citati dal quotidiano: tallio fatto ingerire a un prigioniero morto dopo 10 giorni di agonia e nicotina iniettata a un altro, morto in un paio d’ore.
  5. Per uno scienziato citato dal quotidiano britannico si tratta di un “salto indietro ai tempi dei nazisti”.

Per approfondire:

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.