TwitterFacebookGoogle+

L'Italia trema ancora, oltre 60 scosse nella notte

Roma – Notte di paura tra le Marche e l’Umbria dove, a due mesi dal terremoto del 24 agosto nel Centro Italia, la terra è tornata a tremare mercoledì sera con due forti scosse di magnitudo 5.4 e 5.9 localizzate a Castangelo sul Nera e Ussita, e uno sciame sismico di oltre 60  episodi. La scossa più forte alle 5,19 di magnitudo 4.1. Molti i crolli che secondo una stima provvisoria avrebbe causato un 63enne morto d’infarto a Tolentino e un bambino gravemente ferito nella sua casa a Camerino. “Un bilancio che se così fosse sarebbe miracoloso”, ha commentata il ministro dell’Interno, Angelino Alfano a Radio Raiuno. 

UN MIGLIAIO GLI SFOLLATI, ALFANO: “NESSUNO SENZA TETTO”

Gli sfollati “sono qualche migliaio”, ha spiegato all’AGI il capo della Protezione civile delle Marche, Cesare Spuri. “Ora dobbiamo cercare di gestire l’emergenza, dopo il 24 agosto “abbiamo avuto un secondo pesante terremoto”. Moltissime sono le persone che “questa notte hanno dormito in macchina – aggiunge Spuri – o in ricoveri di fortuna. Oggi vedremo il da farsi”. Intanto, tra gli auspici del numero uno capo della protezione civile delle Marche “speriamo in qualche giornata di sole e che non arrivi presto l’inverno, quello vero” che nei paesini di montagna colpiti dal sisma la notte la temperatura scende abitualmente anche di 10 gradi sotto lo zero.

Ecco cosa fare in caso di terremoto

Nessuno di loro resterà senza tetto” ha assicurato Alfano che ha snocciolato i numeri dei soccorsi nelle zone copite: “Ci sono in campo 980 vigili del fuoco, con 42 squadre, 24 sezioni operative, 60 funzionari e 2 squadre di ricerca e soccorso tra le macerie con 70 unità, 4 unità cinofile, 20 unità per il movimento terra e 30 specialisti del Saf (speleo alpino fluviali), Complessivamente abbiamo impiegato 450 mezzi di soccorso e 4 elicotteri per ricognizione, in volo dalle 7”. 

CASE INAGIBILI E DANNI AGLI OSPEDALI

Ingenti i danni alle abitazioni. A Visso, una delle località più colpite, i “due terzi del patrimonio immobiliare è inagibile“, ha fatto sapere il sindaco, Giuliano Pazzaglini. Danneggiate anche le strutture ospedaliere in provincia di Macerata: a Cingoli sono stati evacuati 30 pazienti, a Matelica è stato evacuato il punto di primo intervento ed è in corso l’allontanamento di 17 pazienti. A Tolentino, poi, 5 pazienti sono stati trasferiti in un’altra ala della stessa struttura. E’ stato evacuato il carcere di Camerino e i detenuti sono stati traferiti presso il carcere di Rebibbia a Roma. 

Sindaco di Ussita: “E’ l’Apocalisse”

Intanto si lavora ad allestire posti letto nelle strutture disponibili sul territorio per offrire accoglienza ai cittadini che, a seguito delle scosse, sono fuori dalle proprie abitazioni”, si legge nell’ultimo aggiornamento sul sito della Protezione civile. 

CRITICA LA VIABILITA’, CHIUSA LA SALARIA

“Numerose criticità alla viabilità che risulta compromessa in molti punti. Risulta chiusa la SS4 Salaria all’altezza di Pescara del Tronto, mentre la SP209 è chiusa da Visso in direzione Terni e da Visso a Muccia. La SP134 è stata chiusa tra Visso e Castel Sant’Angelo sul Nera per caduta massi e tra Villa Sant’Antonio e Muccia per edifici pericolanti e caduta massi. La SP 135 è chiusa tra Visso e Ussita sempre per problemi di caduta massi. Al momento si registrano circa 400 utenze disalimentate nella regione Marche e 600 utenze disalimentate nella regione Umbria. I sindaci dei comuni coinvolti – si legge ancora nella nota – hanno annunciato che oggi le scuole di ogni ordine e grado resteranno chiuse”. 

CUZIO ED ERRANI NELLE ZONE COLPITE

Previsto in giornata l’arrivo del capo Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, insieme al Commissario per la ricostruzione Vasco Errani. Verso le 8,30 sarà a Tolentino dove incontrerà il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli; a seguire Camerino, Muccia, Visso, Ussita e Castelsantangelo sul Nera, nel maceratese. Successivamente Curcio ed Errani si sposteranno in Umbria, per raggiungere – insieme alla presidente della Regione, Catiuscia Marini – Preci e Norcia. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.