TwitterFacebookGoogle+

«L’ epidemia di Ebola in Guinea è senza precedenti»

Epidemia eboladi  Valentina Spotti  – 31/03/2014 – L’allarme di Medici Senza Frontiere: già 78 le vittime. E nei paesi dell’Africa Occidentale cresce la paura. 

Medici Senza Frontiere lancia l’allarme: secondo gli esperti della ONG sarebbero già 78 le persone uccise dal virus Ebola nel solo stato africano della Guinea. Le autorità dell’Africa Occidentale stanno combattendo con tutti i mezzi attualmente a disposizione per combattere l’epidemia, cercando di contenere i contagi.

«EPIDEMIA MAI VISTA PRIMA» – Tuttavia sono gli stessi medici ad esprimere viva preoccupazione: sono stati registrati casi di contagio in città distanti tra loro anche centinaia di chilometri e Mariano Lugli, coordinatore in Guinea di Medici Senza Frontiere ha spiegato alla BBC che si sta affrontando un’epidemia di dimensioni «mai viste prima» dal punto di vista della distribuzione dei casi.

EBOLA: COME SI DIFFONDE IL VIRUS – Ebola è un virus della famiglia Filoviridae, estremamente aggressivo per l’uomo, che si trasmette attraverso il contatto di sangue o altri fluidi corporei infetti. Dopo il contagio si manifestano i primi sintomi: febbre, vomito, diarrea, dolori addominali e, nei casi più gravi, emorragie interne diffuse che portano alla morte del soggetto. Il periodo di incubazione è di circa 5-10 giorni e il tasso di mortalità è altissimo, stimato intorno al 90%. In Guinea il virus è comparso circa quattro mesi fa, e avrebbe mietuto una settantina di vittime a partire da gennaio. Ma si sono registrati decessi anche in Sierra Leone e in Liberia, dove il ministro della Salute Walter Gwenigale ha confermato la morte di due persone contagiate dall’Ebola. Tuttavia le autorità liberiane hanno deciso di non voler divulgare ulteriori dettagli per evitare la diffusione del panico anche se il ministro Gwenigale avrebbe consigliato ai cittadini di non avere rapporti sessuali per evitare lo cambio di fluidi corporei potenzialmente infetti.

EBOLA: PAURA DELL’EPIDEMIA – In Guinea ai medici sono servite sei settimane per avere la certezza di essere davanti a questo tipo di virus che, nel frattempo, è arrivato fino alla capitale Conakry: una città da due milioni di persone dove le morti sospette sono state 122, di cui 70 accertate come Ebola. Secondo quanto riportato dalla BBC a Monrovia, la capitale della Liberia, si starebbe diffondendo un certo panico: in molti supermercati i commessi lavorerebbero indossando i guanti come precauzione, mentre il Senegal, che confina a Nord con la Guinea, avrebbe chiuso le frontiere.

EBOLA: UN VIRUS SENZA CURA – La paura è amplificata dal fatto che, attualmente, non esistono cure o vaccini per fermare Ebola: il virus è stato isolato per la prima volta 38 anni fa nel territorio dell’attuale Congo, teatro anche della più grande epidemia di ebolavirus, che nel 1995 uccise 245 persone nella sola Kikwit. Negli ultimi anni un’altra epidemia, sempre in Congo, aveva scatenato l’attenzione delle autorità: alla fine dell’agosto 2007 un centinaio di persone furono colpite da febbre emorragica che, come dissero i rilievi effettuati dall’OMS, era stata causata nella maggior parte dei casi da Ebola. Ad oggi sono quattro i ceppi conosciuti del virus: quattro di essi sono letali per l’uomo.

http://www.giornalettismo.com/archives/1435529/lepidemia-di-ebola-in-guinea-e-senza-precedenti/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.