TwitterFacebookGoogle+

Lo spettro gender

Articolo di Chiara Saraceno LEGGI DI SEGUITO di Maria Novella De Luca “I cattolici in piazza” (Repubblica 21.6.15)

“”A sentir loro è l’indistinzione dei sessi, che sarebbe la conseguenza sia di una educazione che insegni a maschi e femmine a rispettarsi reciprocamente e a non chiudersi (e non chiudere l’altra/o) in ruoli stereotipici e rigidi, sia del riconoscimento della omosessualità come un modo in cui può esprimersi la sessualità, della legittimità dei rapporti di amore e solidarietà tra persone dello stesso sesso e della loro capacità genitoriale. Stravolgendo le riflessioni di sociologhe/i, filosofe/ i, antropologhe/i, persino teologhe/i sul genere come costruzione storico-sociale che attribuisce ai due sessi capacità, destini (e poteri) diversi e spesso asimmetrici, attribuiscono ad una fantomatica “teoria del genere” e alla sua imposizione nelle scuole – e la parola gender spiccava ieri sui cartelloni innalzati in piazza – la negazione di ogni distinzione tra i sessi e la volontà di indirizzare i bambini e i ragazzi verso l’omosessualità o la transessualità, quasi che l’orientamento sessuale sia esito di scelte intenzionali e possa essere orientato dall’educazione. 

Timore, per altro, paradossale e contraddittorio in chi pensa che solo l’eterosessualità sia lo stato di natura. Rifiutando di distinguere tra conformazione sessuata dei corpi, ruoli sociali, orientamento sessuale, considerano chi propone questa distinzione come un pericoloso sostenitore tout court dell’androginia indifferenziata. Timorosi della “normalità”, e dello stigma e del disgusto che l’accompagnano, sono a loro agio solo nella perfetta, e unidimensionale, sovrapposizione delle tre dimensioni, che non dia adito a dubbi, in cui ciascuno “ sta al proprio posto”, assegnato da una natura priva di varietà, storia, cultura,intenzioni.
Per questo ce l’hanno tanto con l’omosessualità e il riconoscimento delle coppie omosessuali, perché non vi vedono solo uomini e donne che sono attratti da e amano persone del proprio sesso pur sentendosi rispettivamente maschi e femmine, ma uomini e donne che sconfinano dal proprio sesso, che non ne riconoscono le regole, sul piano della sessualità, ma anche della identità, incrinando perciò l’ordine di un mondo in cui maschile e femminile sono nettamente separati e l’eterosessualità non è solo una forma di sessualità, ma una norma sociale che assegna a ciascuno i propri compiti e posto in base al sesso di appartenenza.
In agitazione continua contro ogni proposta di riconoscimento delle coppie dello stesso sesso, a prescindere dalla affettività e solidarietà che le lega non diversamente dalle coppie di sesso diverso (migliaia di emendamenti alla proposta di legge Cirinná), da qualche tempo hanno aperto un fronte anche nei confronti della scuola, dalla materna in su. Se la prendono con le iniziative che mirano a contrastare sia il bullismo omofobico sia la stereotipia di genere (due fenomeni distinti, anche se la seconda può favorire il primo) e ad aiutare i bambini e ragazzi a comprendere la varietà delle forme famigliari in cui di fatto vivono. Purtroppo, come a suo tempo per l’educazione sessuale di cui hanno con successo impedito avvenisse a scuola, hanno trovato ascolto presso il ministero dell’educazione e la ministra Giannini, che dopo la manifestazione di ieri sarà ancora più attenta alle pressioni di chi non vuole che si tocchino questi temi a scuola.
Resta da vedere che cosa ha da dire il presidente Renzi, se si farà impaurire anche lui, che si propone come un innovatore, rimandando ancora una volta il riconoscimento delle coppie dello stesso sesso e lasciando fuori dalla “buona scuola” quei temi che, se affrontati serenamente e con consapevole legittimità, aiuterebbero ad evitare molte paure e molte violenze.””
LEGGI ANCHE L’articolo “Cattolici in piazza” di Maria Novella De Luca
“”Una piazza enorme, anche se forse il milione non c’è. Una piazza di fedi, rosari e parole d’ordine. Si unisce nel grido: “No alle adozioni per i gay, no alle unioni civili”. Intransigenti e felici di esserlo. Mamma, papà e figli: non ci sarà altra famiglia al di fuori di questa. Nessun dialogo, perché “tutto il resto è demonio” come tuona dal palco Kiko Arguello, ex pittore fondatore dei Neocatecumenali, cristianesimo ultrà, oltre trecentomila i seguaci in Italia, di cui buona parte ieri accorsa a piazza San Giovanni. Piove a dirotto, poi esce un sole che brucia, ma nessuno si muove.
«Siamo contro la teoria del Gender», è lo slogan cadenzato e applaudito, pochi sanno spiegarti cos’è, o citare in quale programma scolastico quel termine sia mai apparso. Non importa, la fede è fede, “il gender è sterco del demonio”, afferma un cartello scritto a penna. Qui, spiega infatti don Mario, giovane parroco pugliese con cento fedeli al seguito, «c’è da imbracciare la Croce per impedire l’omicidio della famiglia naturale». La guerra è aperta. Del resto, si legge su un lenzuolo del gruppo di “Allenaza cattolica», “uomo e donna siamo nati, lo dicono pure gli scienziati”.
C’è un numero incredibile di bambini, carrozzine, passeggini, neonati coperti in fretta e furia con cappelli, mantelline, teli di plastica: a guardarla da qui, dal sagrato della Basilica delle manifestazioni sindacali, sembra che l’Italia della crescita zero sia altrove. E cioè, magari, in quel mondo dei diritti civili e delle famiglie nuove, diverse, omo, single, mono, che la piazza attacca con slogan durissimi. Un milione di persone, così dicono gli organizzatori, che grida “no” all’utero in affitto, “no” ai bambini come li ha messi al mondo Elton John, “no” al divorzio breve, perchè, dicono dal palco, «dopo la nuova legge si fa prima a divorziare che a cambiare gestore di cellulare… ».
Sono arrivati da tutto il Paese, con duemila pullman, e poi con treni, auto, e convogli auto- organizzati, dall’Italia profonda e da quella metropolitana, da Varese come da Ariano Irpino, da Tarvisio come da Mola di Bari, così tanti quanti nessuno aveva previsto davvero. Non è il “family day” del 2007, ma molto gli assomiglia, la difesa della famiglia tradizionale affratella anche fedi diverse, ci sono gli evangelici, l’imam della moschea sunnita di Roma, il rabbino capo Riccardo Di Segni ha inviato una lettera. “Sì alla vita e no all’aborto” porta scritto su una maglietta rosa una bambina di pochi mesi, la madre, Rosaria, racconta candidamente che «è stata la Madonna ad impedirmi di buttarla via…».
Aborto, come buttare via un figlio, i cartelli con i neonati e la scritta “non uccidermi” e “io osno importante per Cristo”, sono centinaia. La legge 194 è sempre un bersaglio. Dal palco parlano Alfredo Mantovano, ex sottosegretario all’Interno, fondatore dei comitati “Sì alla familgia”, Mario Adinolfi, che incalza contro gli uteri in affitto, le tecniche di fecondazione eterologa, il mercimonio degli ovociti. E butta in pasto alla folla Elton John e i suoi due bambini, figli di due padri gay, simbolo di quello che con decisione questa piazza respinge e condanna.
«Pensate che dopo averli fatti nascere con l’utero in affitto, faceva arrivare in Inghilterra ogni giorno il latte di quella povera donna, attraverso un corriere FedEx…». Dissoluti lussi da ricchi, condanna la folla, sotto le bandierine rosa e celesti del “Difendiamo i nostri figli”.
I politici Ncd, gli unici presenti, si confondono nella folla, ma è chiaro che gli slogan di questa piazza, (spesso sul filo dell’intolleranza) peseranno in Parlamento, e se l’inesistente teoria del gender è il nuovo totem da abbattere, più concretamente c’è il Ddl Cirinnà sulle unioni civili da fermare. Lo dice, con chiarezza, dal palco, il neurochirurgo Massimo Gandolfini, che insieme a “Manif pour tous”, ai neocatecumentali, alla Croce di Adinolfi, alle Sentinelle, e ad una galassia di altri movimenti prolife ha organizzato la manifestazione. «Davvero non pensavamo ad un tale successo, la risposta è stata incredibile, e ancor di più perchè l’abbiamo organizzata da soli. Noi sappiamo che il Papa ci sostiene, ma da laici dobbiamo camminare da soli». In realtà l’ossatura della piazza è fatta dalle parrocchie e dai gruppi neocatecumenali, eppure racconta il pensiero di un’Italia profonda, remota e radicale, che si sente lontana dal Potere, ma anche dai cattolici di Governo. «Renzi va in Chiesa e prega dice Sandro Ferrini, padre di quattro figli, romano schietto e professione tassista – ma un uomo di fede non può volere il matrimonio dei gay, o peggio famiglie formate da due madri e due padri. Uno così è peggio di un ateo». Non si sentono slogan omofobi, ma è evidente che per molti qui, essere gay equivale ad essere malati. «Se scoprissimi che mio figlio è omosessuale – ammette Caterina, che viene dall’Umbria – lo abbraccerei e pregherei con lui…Con l’aiuto di Dio si può tutto». Inutile spiegare che non si può guarire da qualcosa che non è una malattia, ma semplicemente una espressione dellìamore.
Franco Grillini, portavoce di “Gaynet”, parla di una «inutile manifestazione di odio»,mentre Sel diffonde dei quaderni dove con chiarezza viene spiegato che cosa è il Gender, e gruppi di omosessuali cattolici chiedono agli organizzatori «ascoltateci e dialogheremo».
Ma ciò che invece caratterizza il successo di questo nuovo family day, è l’assoluta certezza sulle proprie idee. Qualcosa che non governato potrebbe sfociare, come tutti gli assoluti, nel fondamentalismo. Il Gender e le unioni civili «distruggono la famiglia», dunque sono nemici da abbattere. Renzi è avvertito, questa piazza è già un nuovo serbatoio di quella destra confessionale che sembrava polverizzata e invece rinasce. E’ accaduto anche in Francia, nel 2014: il movimento “Manif pour tous”, riuscì a portare nelle strade di Parigi un milione di cattolici contro la politica dei dirtti di civili del governo Hollande. Dal palco il fondatore dei Neocatecumenali canta, suona la chitarra e alza una croce verso la folla che l’applaude e prega cantando. Kiko Arguello parla di femminicidio, mescolando il male, le mogli che trascurano i mariti, e la cattiveria umana. Tesi incredibli. Gli aderenti al “Cammino” lo guardano però con devozione, sono famiglie con tre o più figli, coppie giovani, tanti neonati. Un acquazzone svuota la piazza, ripartono i duemila pulman, i parroci benedicono, «andate in pace, è stata una grande festa».””
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.