TwitterFacebookGoogle+

Lodo Moro. Quei patti inconfessabili tra Sismi e terrorismo palestinese

Lodo Moro. Quei patti inconfessabili tra Sismi e terrorismo palestinese-G.C.- Con l’imperversare della crisi di Gaza, tutti hanno imparato a conoscere Hamas. Chiunque, adesso, sa che si tratta di un’organizzazione paramilitare e terrorista, contro cui si è scatenata la furia di Israele con quello che ne è conseguito: un vero e proprio genocidio di innocenti, arabi colpevoli semplicemente di essere non ebrei.

Quello che in pochi sanno è come, Hamas, abbia una storia lunga e travagliata: come la stessa sia stata probabilmente vista di buon occhio per lungo tempo, dagli israeliani, a causa della sua rivalità con un’altra organizzazione palestinese, l’Olp, fondato, tra gli altri, da Yasser Arafat.

Nell’aprile scorso, Hamas e l’Olp hanno firmato un accordo, un’alleanza. Un patto che ha istantaneamente fatto allertare Israele, la quale, da parte sua, ha tuonato chiaramente come esso avrebbe rappresentato un ostacolo insormontabile per la pace tra i due paesi. Pochi mesi dopo, il rapimento di tre ragazzi ebrei s’è configurato come la scintilla in grado di scatenare l’inferno, con Netanyahu che giurava vendetta, pur sapendo, come è stato confermato da alcuni funzionari di polizia, che la responsabilità non era stata di Hamas. Ogni scusa, però, era valida per intervenire.

Così, riconoscendo in Hamas il nemico supremo, si dimentica l’Olp. La cui storia sta per tornare a galla, fra pochi giorni, in Italia. Il motivo è semplice: fu proprio questa organizzazione a scendere a patti con il Sismi italiano, nell’ambito del cosiddetto “lodo Moro”, i cui dossier relativi stanno per diventare pubblici.

Erano gli anni ’70-’80. Anni di stragi, nel nostro Paese. Anni di ombre incombenti e alleanze inconfessabili. Una di queste sarebbe proprio quella intercorsa tra la nostra intelligence e i terroristi palestinesi: un patto, firmato dall’allora Presidente del Consiglio Aldo Moro, che garantiva agli isalmici la possibilità di far passare fiumi d’armi nel nostro paese, destinati a cellule terroriste sparse in tutto il continente, e la liberazione dei prigionieri palestinesi. In cambio, i militanti non avrebbero colpito gli italiani, avrebbero lasciato il nostro Paese tranquillo, pur non inserendo negli accordi l’incolumità per gli ebrei residenti nel Belpaese. Tanto più che, nell’82, venne attaccata la Sinagoga di Roma.

Fu quella, forse, a squarciare il velo di misteri che avvolgeva gli accordi. Il 3 ottobre del 2008, in occasione del 30esimo anniversario dell’attentato, l’ambiguo ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga, rivelò chiaramente l’esistenza del lodo in un’intervista rilasciata al quotidiano israeliano Yediot Aharonot.

“Vi abbiamo venduti”, dichiarava in essa  Cossiga. “Lo chiamavano ‘Accordo Moro’ e la formula era semplice: l’Italia non si intromette negli affari dei palestinesi, che in cambio non toccano obiettivi italiani”. “Per evitare problemi, l’Italia assumeva una linea di condotta  tale da non essere disturbata o infastidita”, continuava l’uomo nell’intervista “Poiché gli arabi erano in grado di disturbare l’Italia più degli americani, l’Italia si arrese ai primi.” Ma non solo: Cossiga rivelava anche l’esistenza di simili accordi con l‘Hezbollah libanese, “per cui le forze UNIFIL chiudono un occhio sul processo di riarmo, purché non siano compiuti attentati contro gli uomini del suo contingente”.

Nonostante secondo Giovanni Pellegrino, ex presidente della Commissione Stragi il patto risalga all’autunno del 1973, Cossiga dichiarava di esserne a conoscenza soltanto dal 1976, da quando, cioè, divenne ministro dell’Interno. “Mi fecero sapere che gli uomini dell’OLP tenevano armi nei propri appartamenti ed erano protetti da immunità diplomatica”, raccontava nell’intervista. “Mi dissero di non preoccuparmi, ma io riuscii a convincerli a rinunciare all’artiglieria pesante ed accontentarsi di armi leggere”. 
Anni dopo, quando divenne Presidente del Consiglio, ebbe la certezza dell’esistenza di tali accordi: “Durante il mio mandato, una pattuglia della polizia aveva fermato un camion nei pressi di Orte per un consueto controllo”, raccontava. “I poliziotti rimasero sbigottiti nel trovare un missile terra-aria, che aveva raggiunto il territorio italiano via mare”. In pochi giorni, una sua fonte del Sismi gli fece sapere dell’esistenza di un telegramma, arrivato da Beirut, nel quale era “scritto che secondo l’accordo, il missile non era destinato ad un attentato in Italia, e a me fu chiesto di restituirlo e liberare gli arrestati”.
“Col tempo”, aggiungeva ancora Cossiga nell’intervista, “cominciai a chiedermi che cosa potesse essere questo accordo di cui si parlava nel telegramma. Tutti i miei tentativi di indagare presso i Servizi e presso diplomatici si sono sempre imbattuti in un silenzio tuonante. Fatto sta che Aldo Moro era un mito nell’ambito dei Servizi Segreti”.

Secondo Pellegrino, il patto fu stilato dal Sismi, e solo firmato da Moro, che pure ne faceva riferimento in alcune missive inviate durante la seconda metà degli anni Settanta. Numerose le testimonianze che confermano tale versione. Come quella, rilasciata al Corriere della Sera, di Bassam Abu Sharif, portavoce del Fronte popolare per la liberazione della Palestina, “costola” dell’Olp, da cui successivamente si separò. “Ho seguito personalmente le trattative per l’accordo”, ricorda Abu Sharif. “Aldo Moro era un grande uomo, un vero patriota. Voleva risparmiare all’Italia qualche mal di testa”, ma “non l’ho mai incontrato. Abbiamo discusso i dettagli con un ammiraglio, gente dei servizi segreti, e con Stefano Giovannone (capocentro del Sid e poi del Sismi a Beirut, ndr). Incontri a Roma e in Libano. L’intesa venne definita e da allora l’abbiamo sempre rispettata”.

Grazie a questa, prosegue, “ci veniva concesso di organizzare piccoli transiti, passaggi, operazioni puramente palestinesi, senza coinvolgere italiani. Dovevamo informare le persone opportune: stiamo trasportando A, B, C… Dopo il patto, ogni volta che venivo a Roma, due auto di scorta mi aspettavano per proteggermi. Da parte nostra, garantivamo anche di evitare imbarazzi al vostro Paese, attacchi che partissero direttamente dal suolo italiano”.

C’è però altro: quando, il 2 agosto del 1982, Bologna fu sconvolta dalla strage alla stazione, Cossiga puntò dapprima il dito contro i neofascisti e, successivamente,  contro i palestinesi. Secondo lui,a compiere l’incredibile attentato erano stati proprio i terroristi arabi, dopo che il “patto” era stato tradito. Un’ipotesi venuta a crollare nelle settimane scorse, quando quando i pm di Bologna hanno depositato la richiesta di archiviazione per le posizioni di Thomas Kram e Margot Christa Frohlich, due terroristi tedeschi indagati e legati ai palestinesi. Secondo i magistrati, la presenza dell’esperto di esplosivi Kram a Bologna la notte prima dell’attentato è accertata, ma “quel solo e sorprendente fatto non è tuttavia sufficiente per ipotizzare in assenza di altri elementi” sul suo conto “una partecipazione alla strage della stazione”. Per i pm, poi, è tutta la teoria a non reggere, in quanto, secondo tale ipotesi, il legame tra terrorismo palestinese e Kram avrebbe dovuto essere il terrorista venezuelano “Carlos”. Rapporto non solo indimostrabile, ma pure confutato dal diretto interessato.

Fu lui, Carlos, a sottolineare infatti come, non solo ai tempi della strage avesse già rotto da anni i ponti con il Fplp, ma che inoltre non vi sarebbero stati motivi, per gli arabi, di colpire degli innocenti italiani: avrebbero solo rischiato di danneggiare i rapporti tradizionalmente buoni tra la Palestina e il nostro paese. Secondo lui, dunque, a Bologna a colpire furono piuttosto piuttosto la Cia e il Mossad, così da punire l’Italia e distoglierla dai propri interessi “antiatlantici” e “filoarabi”.

Ipotesi, questa, supportata da Abu Sharif: “Non c’entriamo niente”, ha infatti spiegato. “Nessuno ordine è venuto da me. Il massacro non ha niente a che vedere con organizzazioni palestinesi. Neppure un incidente. Non c’era nessuna ragione per farlo, soprattutto a Bologna”. L’unica possibilità è che “la Cia o il Mossad abbiano usato un palestinese, un loro agente. E’ stato fatto esplodere, senza che lo sapesse, per accusare noi.” D’altronde, sottolinea, “Gli americani non erano affatto felici della nostra cooperazione con l’Italia. Soprattutto perché passavamo agli italiani informazioni top secret su quello che gli americani stavano facendo nel vostro Paese”.

Ma l’Olp e il Flpl avevano contatti anche con le Br: “Solo cooperazione”, chiarisce l’ex portavoce. “Qualcuno di loro faceva parte dell'” Alleanza” che venne stabilita nel 1972, assieme a organizzazioni di tutto il mondo.” “Erano”, spiega, “le “operazioni speciali” guidate da Wadie Haddad. Questi gruppi stranieri non sono mai stati ai nostri ordini, c’era solo coordinamento”. Per questo, quando, nel ’78 venne rapito il segretario della Dc, i palestinesi avrebbero potuto intervenire. Ma, prosegue Abu Sharif, “ho chiamato un numero, ho lasciato un messaggio dopo l’altro. Nessuna risposta. Davvero strano: una linea speciale e nessuno risponde”.

Certo è che, del lodo Moro, l’opinione pubblica seppe in seguito, e sempre a spezzoni. Dopo la sparizione dei due giornalisti De Palo e Toni, che indagavano sul traffico d’armi, si alzò subito un impenetrabile muro di silenzi e depistaggi atto a oscurare l’esistenza stessa degli accordi che, nell’ambito delle indagini sulla loro scomparsa, sarebbero inevitabilmente emersi.  Nell’84, poi, l’ufficiale del Sismi Giovannone invocò il segreto di Stato su tali patti, ottendendolo grazie a Bettino Craxi. Un sigillo poi ribadito da Silvio Berlusconi per due volte tra il 2009 e il 2010.
 
Il 28 agosto prossimo, però, scadono i trent’anni previsti dalla recente riforma sui servizi come limite massimo per il segreto di Stato. Non c’è più niente che possa esser nascosto ancora. Circa un’ottantina di faldoni verranno alla luce e riconsegnati agli inquirenti. In essi, si potrà trovare la verità su numerosi misteri italiani e non solo: stragi e rapimenti, accordi inconfessabili. Potrebbe, altresì, esser compresa una volta per tutte l’attuale situazione di equilibri tra le potenze in gioco a Gaza, dove “buoni” e “cattivi” non esistono, e dove l’Italia ha una sua, enorme, colpa.

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.