TwitterFacebookGoogle+

«Sì alla comunione per i divorziati risposati»

Cardinale Kasperdi  Redazione  – 11/03/2014 – L’apertura del cardinale Walter Kasper, in un’intervista a Repubblica.

«La Chiesa può trovare una nuova strada affinché un divorziato risposato, dopo un periodo penitenziale, venga riammesso ai sacramenti». Cosi’ il cardinale Walter Kasper, in un’intervista Repubblica, apre alla comunione per i divorziati.

«La mia – continua il cardinale – non è una posizione lassista, bensì che intende riconoscere come tramite la penitenza chiunque può ricevere clemenza e misericordia. Ogni peccato può essere assolto». Per Kasper, chiedere nuove soluzioni per i divorziati risposati «non è contro la morale né contro la dottrina» della Chiesa, «ma piuttosto a favore di un’applicazione realista della dottrina alla situazione attuale. La Chiesa – sottolinea – non deve mai giudicare come se avesse in mano una ghigliottina, piuttosto deve sempre lasciare aperto il varco alla misericordia».

LA COMUNIONE PER I DIVORZIATI RISPOSATI – «La dottrina non può essere cambiata» ma, sottolinea Kasper, «essa non è una laguna stagnante quanto un fiume che scorre». Il cardinale invita anche a distinguere tra «dottrina e ciò che è disciplina», perché quest’ultima «può cambiare quando le situazioni mutano» spiega il presule citando ad esempio gli sviluppi per i divorziati risposati fra il codice del 1917 e quello del 1983. «Oggi – continua Kasper – si può ulteriormente fare nuovi passi in merito. Del resto è il Papa a chiedere dibattito, anche se c’è chi vuole fermarlo». Kasper si sofferma anche sull’elezione di Papa Francesco, a suo avviso «una scelta anche nel segno della cattolicità, del riconoscimento che l’Occidente e l’Europa avevano bisogno di aria fresca»; «il cristianesimo – sottolinea – in Europa fatica, mentre in altre parti del mondo è più vivo. Giusto ripartire guardando oltre». Infine, il card.Kasper si sofferma su Benedetto XVI: «ho grande stima di Ratzinger e amicizia». (ANSA).

http://www.giornalettismo.com/archives/1402897/si-alla-comunione-per-i-divorziati-risposati/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.