Į sirenos yra?

Sirene& Nbsp; 's įspūdingi teorija "vandens ape" galėtų paaiškinti "kilmės legenda. Bet yra tokių, kurie sako, kad "vandens humanoidai" tikrai egzistuoja!

Maždaug prieš metus, & nbsp;NOAA(Nacionalinė vandenyno ir atmosferos administracija), "Federalinė agentūra okeanografijos JAV, yra jaučiamas poreikis paskelbti oficialiai, kad undinės nėra! "Iš jūros, pusę žmogaus ir pusę žuvies sirenos, yra legendinis jūros būtybių, kurios yra pasakyta nuo neatmenamų laikų", jis rašė savo NOAA svetainėje.

Bet iš NOAA išpuolis nėra atsitiktinis, jis buvo išleistas po įdomi programa transliuojama & nbsp pasivaikščiojimas;Gyvūnų planeta& Nbsp; pavadinimu: "Sirenos, kūno nerasta"Su paantraštę"tiesos branduolį, kuris gyvena po mitinės sirenos legendos". & Nbsp;



Si trattava in realtà di un docu-fiction, in cui, come ha precisato l'emittente, la scienza é stata usata "come un trampolino verso l'immaginazione". Ma evidentemente tanti telespettatori lo hanno preso per un documentario e alcuni giorni dopo all'istituto oceanografico sono arrivate delle lettere in cui si chiedevano spiegazioni scientifiche. Ecco dunque la precisazione: Nonostante le premesse, "non sono mai state trovate prove dell'esistenza di umanoidi acquatici".

Eppure, non tutti sono d'accordo. Sono numerosi gli scienziati che hanno avanzato interessanti teorie sull'esistenza, nel passato evolutivo dell'uomo, della "scimmia acquatica, e cioè di una antenato acquatico in comune tra gli ominidi e le scimmie. 

E sarebbero numerose anche le testimonianze di coloro che affermano di aver visto degli "umanoidi acquatici" tutt'ora viventi. Secondo i teorici della cospirazione, il Governo Americano (nella fattispecie proprio del NOAA) sarebbe a conoscenza di queste creature e addirittura starebbe inscenando un clamoroso cover-up (che giustificherebbe anche il comunicato del NOAA) per nascondere il fatto di essere in possesso del corpo di una sirena.

Prova di questo fatto, sarebbe il famoso suono oceanico "bloop" registrato nel profondo dell'Oceano Pacifico dal NOAA alla fine degli anni '90. Teorie? Fantasie? Gli ingredienti per incuriosire il Navigatore ci sono tutti.

sirene-umanoidi-acquatici-02.jpg



Un fondamento scientifico alla leggenda?

"C'era una volta una sirenetta che viveva in un meraviglioso mondo sottomarino. Un giorno, desiderosa di incontrare le persone della terra ferma, si avventurò sulla superficie...". Questo è l'incipit del racconto per bambini dal quale la Disney ha tratto il famoso cartone animato "La Sirenetta".

Eppure, si tratta di una storia raccontata in tutto il mondo, la storia di una creatura leggendaria e che è menzionata nelle mitologie di quasi ogni cultura umana. La gente di tutti i continenti raccontano di aver avuto contatti con questi esseri metà uomo e metà pesce, descrivendo tutti lo stesso animale mitico.

Alcuni si sono chiesti se dietro queste leggende possa nascondersi un nocciolo di verità. Potrebbero esistere realmente degli umanoidi acquatici intelligenti, parenti lontani dell'uomo, che hanno sviluppato il loro percorso evolutivo adattandosi a vivere nelle profondità dell'oceano e che hanno sviluppato una società complessa nella quale vivono nascosti per paura dei loro parenti umani? E' quello che si sono chiesti gli autori di un documentario girato per l'emittente tv Animal Planet: "Sirene, il corpo trovato".

sirene-umanoidi-acquatici-04.jpg

Il docu-fiction valuta una possibilità basata su una teoria scientifica radicale - la teoria della "scimmia acquatica" - la quale sostiene che gli esseri umani abbiano attraversato una fase anfibia nel loro percorso evolutivo. Ad un tratto, le grandi inondazioni costiere di milioni di anni fa costrinsero un gruppo dei nostri progenitori a spingersi verso l'interno, adattandosi definitivamente alla terra ferma dando vita alla specie dei primati arboricoli, mentre un altro gruppo, forse spinti dalla necessità di trovare cibo, cominciarono a spingersi sempre più in profondità nel mare, adattandosi alla vita acquatica.

Dopo questo adattamento, un gruppo di primati sarebbe ritornato sulla terra ferma conservando alcune delle caratteristiche sviluppate nell'ambiente marino, mentre un altro gruppo si sarebbe adattato definitivamente all'ambiente marino.

Quindi, mentre noi ci siamo evoluti in esseri umani terrestri, i nostri parenti acquatici si sarebbero evoluti in esseri umani anfibi, stranamente simili alla leggendaria sirena. Alcuni autori sostengono la versione contraria della teoria e cioè che il progenitore in comune fosse completamente acquatico e che alcuni gruppi, spinti dalla necessità di trovare cibo, si spinsero sulla terra ferma fino ad adattarsi completamente a respirare ossigeno allo stato gassoso. In ogni caso, la sostanza non cambia.

sirene-umanoidi-acquatici-01.jpg

Come prova a sostegno della teoria, gli autori del documentario sottolineano le notevoli differenze riscontrabili tra l'uomo e gli altri primati. Anzi, alcune caratteristiche lo rendono molto più simile ai mammiferi marini che non ai primati terrestri. Questi i segni distintivi fondamentali:

  • la perdita del pelo cutaneo (i peli creano resistenza in acqua);
  • la capacità istintiva a nuotare (i bambini appena nati già sono in grado di nuotare);
  • il grasso sottocutaneo (per l'isolamento dall'acqua fredda);
  • il controllo del respiro (alcuni umani sono in grado di trattenere il respiro fino a 20 minuti, più ogni altro animale terrestre);
  • un cervello molto sviluppato, grazie ad una dieta ricca di frutti di mare;
 

La storia della teoria della "scimmia acquatica"

Nel corso del tempo, diversi autori si sono dedicati alla teoria della scimmia acquatica. In un libro del 1942, il biologo tedesco Max Westenhofer ipotizzò che i primissimi stadi dell'evoluzione umana fossero avvenuti in prossimità dell'acqua. Così egli scrive: "Postulare un modo di vita acquatico in una fase precoce dell'evoluzione umana è un'ipotesi sostenibile, per la quale si possono produrre ulteriori indagini e elementi di prova".

sirene,noaa,news,notizieMa il vero padre della teoria è il biologo marino Alister Hardy che, già nel 1930, aveva ipotizzato che gli esseri umani possano aver avuto antenati acquatici. Ma solo nel 1960 decise di divulgare la sua teoria. L'occasione fu un discorso tenuto al British Sub-Aqua Club di Brighton il 5 marzo del 1960.

La tesi di Hardy si basa sulla convinzione che un gruppo di queste scimmie primitive, costrette dalla concorrenza con i loro simili e dalla scarsità di cibo, si sia spinta fino alle sponde del mare per andare a caccia di crostacei, molluschi, ricci di mare, ecc., nelle acque poco profonde al largo della costa.

Il biologo suppone che queste proto-scimmie acquatiche, spinte dalla necessità di rimanere sott'acqua per diverso tempo - proprio come è capitato per molti altri gruppi di mammiferi - si siano adattate all'ambiente acquatico fino a rimanere in acqua per periodi relativamente lunghi, se non in maniera definitiva. Hardy esplicitò definitivamente le sue idee in un articolo apparso su New Scientist il 17 marco 1960.

Dopo la pubblicazione dell'articolo, la teoria godette di un certo interesse per diverso tempo, ma fu progressivamente ignorata dalla comunità scientifica. Nel 1967, l'ipotesi fu evocata da Desmond Morris savo knygoje "La Scimmia Nuda", nel quale si trova la prima volta l'utilizzo del termine "scimmia acquatica". La scrittrice Elaine Morgan, dopo aver letto il libro di Morris, divenne la principale sostenitrice e promotrice della teoria. Nei successivi 40 anni di carriera, la scrittice ha dedicato 6 libri alla divulgazione dell'ipotesi di Hardy.

Nel 1987, si tenne un simposio scientifico a Valkenburg, Olanda, per discutere la validità della teoria della Scimmia Acquatica. Dagli atti del convegno - pubblicati nel 1991 con il titolo "Aquatic Ape: Fact or fiction?" (Scimmia acquatica: realtà o finzione?) - emerge che gli scienziati non se la sentirono di sostenere l'idea che gli antenati dell'uomo fossero acquatici, ma che ci sarebbero alcune prove che avessero sviluppato l'abilità natatoria per alimentarsi nei fiumi e nei laghi, con il risultato che l'homo sapiens moderno può godere di brevi periodi di tempo in apnea.

sirene-umanoidi-acquatici-07.jpg

Questa è solo una delle versioni "deboli" della teoria, utilizzata dai ricercatori per spiegare alcune caratteristiche umane che sono ancora avvolte nel mistero, quali la perdita del pelo cutaneo, la capacità di apnea, il grasso sottocutaneo e la capacità istintiva a nuotare dei neonati.

Sebbene l'ipotesi della Scimmia Acquatica spieghi abbastanza bene il sorgere di queste caratteristiche, la maggior parte dei paleoantropologi tende a rifiutare la teoria, non accettandola tra le principali spiegazioni dell'evoluzione umana.

Una lettura estrema della teoria di Hardy ha portato alcuni ricercatori indipendenti ha ipotizzare l'esistenza attuale, di umanoidi acquatici intelligenti che vivono in società complesse nel fondo dell'oceano. L'esistenza di queste timide creature sarebbe all'origine delle leggende sulle sirene, decantate anche da Omero nella sua Odissea. Ma è possibile ipotizzare l'esistenza di questi Umanoidi Acquatici? Potrebbero esserci delle prove?

sirene-umanoidi-acquatici-03.jpg

 

Antiche testimonianze

La storia delle sirene non è recente come si pensa. Solitamente si fa risalire la leggenda ai racconti dei marinai ubriachi del 1500, che storditi dai fumi del rum e della solitudine, avrebbero potuto facilmente scambiare un delfino o una balenottera per una bella e sinuosa sirena.

In verità, alcune pitture rupestri ci fanno pensare che la consapevolezza umana delle sirene sia molto più antica. In una grotta di arenaria in Egitto esistono le rappresentazioni più antiche delle sirene. Sulle pareti della caverna sono rappresentate creature umane con la coda, equipaggiate con lance e reti.

sirene-umanoidi-acquatici-09.jpg

Anche in epoca recente le testimonianze da parte dei pescatori sono state numerose. In molti casi, si racconta del recupero di grossi animali acquatici completamente infilzati con lancie e coltelli di origine sconosciuta. In alcune testimonianze di inizio secolo è possibile vedere lo stupore e lo sconcerto dei marinai.

sirene-umanoidi-acquatici-11.jpg

sirene-umanoidi-acquatici-12.jpg

sirene-umanoidi-acquatici-13.jpg

sirene-umanoidi-acquatici-15.jpg

 

Uno strano suono dal fondo dell'Oceano

Nell'estate del 1997, il NOAA, con l'ausilio di un idrofono equatoriale, registrò più volte un suono misterioso proveniente dagli abissi dell'Oceano Pacifico. Il suono aumentava rapidamente in frequenza per circa un minuto, ed era di ampiezza sufficiente per essere ascoltato dai sensori ad una distanza di oltra 5.000 chilometri. L'origine del suono - battezzato "The Bloop" - è, come ammette il NOAA - di origine sconosciuta. Secondo alcuni, questo suono potrebbe essere la prova dell'esistenza di una specie sottomarina sconosciuta.

Il team di Paul Robertson, un ex dipendente del NOAA, nel 2007 stava indagando sugli inspiegabili spiaggiamenti di massa delle balene. Nell'esaminare i campini di tessuto dei corpi di alcune balene, i ricercatori si resero conto che i mammiferi erano stati danneggiati da sonar particolarmente potenti, utilizzati in diverse parti del mondo in occasione di esercitazioni navali.

L’inquinamento acustico marino è un fenomeno che in questi ultimi anni ha avuto un grande incremento. La nuova tecnologia Sonar utilizzata sia per la mappatura del fondo dell’oceano che per l’individuazione di bersagli sottomarini, emette vibrazioni sonore percettibili fino a centinaia di chilometri di distanza.

Quando una specie più sensibile, come le balene o i delfini, si trovi in prossimità dell’emissione del rumore subisce un vero e proprio trauma che la spinge ad una fuga precipitosa, fatale quando è diretta verso la superficie del mare. Secondo uno studio l’impatto di media frequenza di un sonar militare sull’udito di una balena è equivalente a quello di un motore di jet al decollo sull’udito di un essere umano che si trovi a tre metri di distanza.

La conclusione cui giunsero gli scienziati marini è che le onde sonore emesse dai sonar erano talmente potenti da spaventare quegli animali dotati di un udito così sensibile. Nel tentativo di sfuggire alla raffica di onde sonore, i mammiferi si erano spinti in acque troppo basse per sostenere le loro dimensioni enormi, finendo per arenarsi. 

Per cercare di dimostrare questa teoria, Robertson e il suo team si servirono delle registrazioni di un idrofono di profondità. Fu proprio in quelle registrazioni che ascoltarono la prima volta il "bloop". Utilizzando un software audio, i ricercatori riuscirono ad isolare il suono di una creatura sconosciuta mescolata con i suoni delle balene e dei delfini. Dopo più accurate analisi, i ricercatori ebbero l'impressione che queste creature sconosciute comunicassero con i mammiferi, forse con l'intento di salvarli dal rumore del sonar.

sirene-umanoidi-acquatici-06.jpg

 

Il corpo ritrovato

Qualche settimana dopo, ci fu un altro spiaggiamento di massa in Sud Africa. Anche in quella zona i ricercatori registrarono suoni simili sui proprio dispositivi. Robertson e il suo team si recarono sul posto per investigare. Sulla spiaggia furono i resti di una creature sconosciuta all'interno dello stomaco di un enorme squalo bianco. Mentre esaminavano lo squalo, i ricercatori notarono una sorta di pugnale infilzato nel lato della bocca dello squalo. [Ma i mostri marini esistono davvero? Secondo gli scienziati non si può escludere!].

Come aveva fatto ad arrivare quel pugnale lì? Una volta tirate fuori tutte le parte dallo stomaco dello squalo, cominciarono a studiare attentamente i resti per capire di cosa di trattasse. All'interno trovarono la testa della creatura, una mano quasi completa, un longo osso tipo coda-pinna.

sirene-umanoidi-acquatici-10.jpg

Inoltre, i ricercatori trovarono anche uno strano strumento con un buco. In un primo momento non compresero cosa fosse, ma poi si ricordarono del pugnale nella bocca dello squalo. L'oggetto sembrava essere un perfetto astuccio per il coltello ricavato da una cosa o una spina dorsale di qualche grosso pesce. Ma chi aveva potuto produrre un oggetto simile? [Il misterioso vortice sottomarino ripreso dalla NASA].

Alcuni dei ricercatori si convinsero di trovarsi di fronte ad una sorta di "ominide acquatico intelligente", una sirena! Ora avevano senso tutte le misteriose lance e coltelli trovati nei corpi di numerosi pesce nell'oceano.

Qualche giorno dopo, mentre il team stava per tornare negli Stati Uniti, i militari americani confiscarono i resti della creatura e i risultati della ricerca. Pare che il governo stesse studiano il fenomeno da molto tempo e che avesse utilizzato Robertson e la sua squadra per ottenere le informazioni che cercava. L'unica cosa che lasciarono fu la registrazione del famoso "bloop".

Gli scienziati rimasero sconvolti dal fatto che avevano sequestrato tutti i risultati ottenuti con anni di duro lavoro, ma le registrazioni erano il vero tesoro da conservare. Grazie ad esse, avevano capito che le sirene erano in grado ci comunicare con i delfini e le balene. Questa è la prima e l'unica volta che si possiede la testimonianza di una comunicazione interspecie. Come alcuni sanno, in alcuni paesi, i delfini aiutano i pescatori umani a catturare i pesci, in cambio di una lauta porzione di bottino! Dove hanno imparato i delfini a fare questo?

 

In conclusione

In una intervista recente, Robertson ha dichiarato di non sapere se le sirene esistono o no, a differenza di uno dei suoi colleghi il quale pensa che esistano e che bisogna solo trovarle. Secondo Robertson, se le sirene esistono e sono sopravvissute così a lungo è perché sanno nascondersi.

L'unica cosa di cui è convinto il ricercatori è quella di non voler contribuire mai più alla ricerca delle sirene: "Non credo che gli essere umani sarebbero in grado di coesistere con le sirene senza sterminarle". Il ricercatore sta ancora cercando di ottenere il bando dello sviluppo e della sperimentazione di armi Sonar per salvare balene, delfini e sirene.

Personalmente non ho mai creduto nelle sirene, eppure questo documentario mi fa capire che le profondità dell'oceano sono veramente la frontiera dell'esplorazione umana. Come spesso si dice, conosciamo meglio la superficie della Luna, che non le profondità del mare. Che si tratti o no di sirene, bisogna prendere atto che nel fondo dell'oceano ci sono specie sconosciute e misteriose che ancora non conosciamo e che speriamo di non incontrare per non sterminarle (per dirla con Robertson).

http://ilnavigatorecurioso.myblog.it/archive/2012/07/16/le-sirene-esistono-l-affascinante-teoria-delle-scimmie-acqua.html