TwitterFacebookGoogle+

«Togliete la vita a mia moglie incinta»

Marlise Munozdi  Dario Ferri – 15/01/2014 –
La richiesta del marito di una paziente clinicamente morta: «Fermate ogni supporto vitale. Lei avrebbe voluto così». 

Fermare ogni supporto vitale a sua moglie incinta, già dichiarata dai medici clinicamente morta. È la richiesta di un cittadino americano, Erick Munoz, presentata ieri in via ufficiale in tribunale e indirizzata al personale dell’ospedale del Texas dove la donna è ricoverata.
Ai medici che si stanno prendendo cura della sua compagna di vita e del bambino che porta in grambo, Erick fa sapere che la donna, giunta oggi alla 20esima settimana di gravidanza, mai avrebbe accettato di essere tenuta in vita artificialmente.

L’EMBOLIA POLMONARE – La paziente, Marlise Munoz, 33 anni, era incinta di 14 settimane quando fu colpita mentre era in casa da un’embolia polmonare.

Da allora non si è più ripresa e continua a respirare restando attaccata ad un macchinario, protetta con fermezza dai medici. «Una persona non può fermare il trattamento di sostegno vitale di un paziente in stato di gravidanza», spiegano oggi i portavoce del John Smith Hospital di Fort Worth, nella contea di Tarrant, rispondendo all’azione legale del marito. Ma Erick è convinto del contrario.

IL RICORDO DELLA FAMIGLIA – Nel documento presentato in tribunale l’uomo sostiene che la legge non si applica al caso della moglie. «Marlise non è affatto una ‘paziente incinta’», si legge nel documento. E ancora: «Effettuare interventi chirurgici su un corpo defunto è a dir poco scandaloso». Al fianco di Erick è schierata anche la mamma di Marlise, Lynne Machado, che ha comunque fatto sapere che la famiglia non parlerà ai media del caso. «Sappiamo cosa lei voleva al 100% – si è limitata a dire oggi la donna alla Nbc –  e il marito conosce i suoi desideri al 100%». «Avevano avuto alcune conversazioni e lei era stata irremovibile», ha rivelato. Intanto, non sono trapelate informazioni sullo stato di salute del bambino.

http://www.giornalettismo.com/archives/1302209/uccidete-mia-moglie-incinta/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.