TwitterFacebookGoogle+

Luca Varani colpito 100 volte con martello e coltello

Roma – Colpito almeno cento volte a martellate e a coltellate, seviziato per lungo tempo e alla fine morto dissanguato per le troppe ferite subite. E’ la fine atroce che Manuel Foffo e Marco Prato hanno riservato al 27enne Luca Varani, ucciso il 4 marzo in un appartamento del Collatino. Dai risultati dell’esame autoptico, consegnato al pm Francesco Scavo, emerge come Varani sia stato raggiunto da circa 20 martellate alla testa e in bocca, mentre sono trenta le ferite da arma da taglio superficiali, cioe’ inferte al solo scopo di provocare dolore e sofferenza.

Su tutte le armi utilizzate per seviziare e uccidere Luca, ci sono tracce biologiche riconducibili a Prato e Foffo. A confermarlo sono le analisi eseguite dal perito nominato dal gip in sede di incidente probatorio. Dall’esame effettuato su due coltelli e su un martello, infatti, la perizia avrebbe concluso per un analogo contributo nell’evento omicidiario dei due indagati ai quali il pm Francesco Scavo ha contestato il concorso in omicidio volontario premeditato. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.