TwitterFacebookGoogle+

L'uomo ha cominciato a mangiare pane 10 mila anni prima di imparare a coltivare il grano  

Un pool di ricercatori dell’università di Copenaghen, dell’Università di Cambridge e dell’University College di Londra hanno scoperto il pane più antico del mondo, paragonabile a una piadina, che risale a 14.400 anni fa. Il ritrovamento è avvenuto nel nord-est della Giordania, e costituisce una prova schiacciante del fatto che la farinazione delle graminacee ebbe inizio nella regione, in piena Mezzaluna Fertile, ben quattromila anni prima di quanto precedentemente ritenuto.

“Ora sappiamo che i prodotti a base di pane sono stati prodotti molto prima dello sviluppo dell’agricoltura”, ha detto l’archeobotanica dell’Università di Copenhagen, Amaia Arranz Otaegui, principale autrice dello studio con cui è stata data la notizia della scoperta, “Il prossimo passo è valutare se la produzione e il consumo di pane hanno influenzato l’emergere della coltivazione”.

Colpisce la straordinaria somiglianza tra il pane rinvenuto nelle ceneri del focolare domestico studiato dagli scienziati e il pane a tutt’oggi diffuso in buona parte del mondo arabo: schiacciato, poco lievitato, magari facile da aprire per essere farcito. Una riprova della bontà della tesi degli storici che, come i francesi della scuola delle Annales, sostengono il lentissimo mutamento della cosidetta civiltà materiale dell’uomo, quella legata alla vita quotidiana.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.