TwitterFacebookGoogle+

L’uovo del serpente

di Agostino Spataro –

A quasi un trentennio dal crollo del muro di Berlino, l’Europa continua a vivere la sua crisi più lunga e più grave Crisi economica, morale, di leadership. Crisi di futuro.
L’U.E. é in pieno subbuglio. Le istituzione non ce la fanno a riprendere e a raddrizzare la situazione. Inquietudini e paure si stanno impadronendo dello spirito pubblico; sono in corso, da tempo, delocalizzazioni industriali, fallimenti a catena, disordini sociali e instabilità dei governi. I Paesi del sud Europa (quali Grecia, Italia, Portogallo, Spagna) subiscono maggiormente i contraccolpi della crisi in termini di disoccupazione e di emigrazione, mentre sono costretti a fronteggiare il più grande movimento migratorio irregolare, gestito da bande di criminali e di profittatori.

La crisi coglie la sinistra europea impreparata o compromessa. Il dopo- Berlino ha provocato un forte ridimensionamento del ruolo e della forza della sinistra (comunista, socialista e socialdemocratica),mentre si stanno affermando movimenti e partiti nazionalisti e neo fascisti anche come risposta alle “insicurezze”, vere e/o presunte, dei ceti più colpiti dalla crisi.
Sul terreno morale la crisi scuote le basi della cultura, dell’informazione e persino della religione… Alla prova dei fatti, il “neoliberismo” finanziario globalizzato, uscito vincitore unico dal lungo confronto, sta dimostrando di non essere all’altezza della situazione, anche se ha preteso e ottenuto l’asservimento ai suoi disegni della gran parte della classe politica e della stessa rappresentanza sociale.
Dal dopoguerra, mai si era verificata una condizione di predominio così incontrastato. Eppure, il risultato è lo sconquasso generale: dal disordine monetario e fiscale al mancato controllo della spesa pubblica, dalla corruzione dilagante alla crescita esponenziale della disoccupazione, alle nuove povertà.
E’ stata pianificata e attuata una destrutturazione degli assetti dei poteri, un’iniqua redistribuzione delle ricchezze nazionali (PIL) a tutto danno dei ceti produttivi medio – bassi; un colossale ri-equilibrio, in senso classista, a vantaggio dei ceti più ricchi.

Insomma, alla sua prima uscita in pubblico, questo neo capitalismo, liberista solo a parole giacché i conti dei suoi disastri li scarica sugli Stati e sui cittadini, si sta dimostrando incapace di governare gli Stati e i processi da esso stesso generati.
Nel campo della politica è stato un disastro, così nei campi di sua pertinenza: della finanza e dell’economia.
Tutto ciò, mentre si riducono gli spazi di democrazia e dei diritti fondamentali dei singoli e delle nazioni.
Incapaci di governare il caos e decisi a fuorviare lo spirito pubblico, i “liberisti” cercano a destra ( qualche volta anche a”sinistra”) movimenti e partiti disponibili ad accendere la miscela esplosiva che minaccia l’Europa.
Si riaccendono, così, nazionalismi, anacronistici rivendicazionismi territoriali, intrighi secessionisti, frustrazioni razziste, xenofobe, integralismi religiosi, intolleranze politiche, ecc.
Come dire: non potendo addomesticare per bene i popoli e gli Stati si tenta di frantumarli, schierarli l’uno contro l’altro. Chissà se, alla fine, non ci esca una bella guerra patriottica e/o di religione?

La destra estrema, populista : il nuovo pericolo per l’Europa
Si delinea, dunque, una prospettiva davvero inquietante per un continente che ha conosciuto la tragedia del fascismo e del nazismo e, per altri versi, quella delle dittature stataliste filosovietiche. Sta emergendo, infatti, una nuova destra nazional-popolare, xenofoba, antisemita (ossia antiaraba e antiebraica) con punte dichiaratamente razziste e neo-naziste.
Il fenomeno è preoccupante poiché non si tratta dei soliti gruppi minoritari, ma di movimenti e di partiti che nelle più recenti consultazioni elettorali hanno fatto registrare risultati davvero rilevanti e inattesi.
Tutta l’Europa è attraversata da tali tendenze. Questa- ci sembra- la vera novità politica che sta emergendo dalla crisi europea. La destra estrema oggi spinge quella moderata a indossare la divisa dell’intolleranza per domani soppiantarla in tutto e per tutto.
E, con i tempi che corrono, questo domani potrebbe verificarsi anche a breve.

L’uovo di Bergman e il male del secolo
Il contesto europeo è sempre più segnato da foschi fermenti che deprimono e, al contempo, esasperano lo spirito pubblico. Anche nelle società più progredite del centro-nord dove-secondo la metafora cinematografica di Ingmar Bergman- fu depositato “l’uovo del serpente”.
In questo film, terribile e un po’ presago, il regista svedese ricorse, infatti, alla metafora dell’uovo del rettile più inviso per denunciare il male incubatosi, nei primi anni ’20 del secolo trascorso, nelle pieghe della società tedesca in preda ad una gravissima crisi economica, morale e politica.
Da quell’uovo nacque il nazismo ossia il potere più perfido e micidiale che l’umanità abbia conosciuto.
Purtroppo, allora, il mondo sottovalutò, ignorò quelle tendenze che si affermarono, sulla spinta di grandi movimenti di massa, al governo dell’Italia e della Germania.
Nel cuore dell’Europa si crearono il clima e l’habitat adatti per far schiudere l’uovo malefico ch’era stato depositato.
Come sia andata a finire è a tutti noto. Oggi, la domanda che più inquieta è la seguente: quella terribile realtà può ritornare?
La risposta non è facile. Forse, è presto per dirlo. Eppure qualcosa di simile s’intravvede all’orizzonte.
Al momento, fra quel passato e il presente non vi sono analogie così pregnanti (è il caso di dire).
Perciò, il fenomeno va affrontato lucidamente, senza allarmismi e senza sottovalutazioni; con spirito dialogante, aperto cioè al recupero di settori sociali, specie giovanili, che stanno per essere trasformati in massa di manovra.
Non servono anatemi e violenze gratuite. Anzi, è questo il terreno più propizio per il dispiegamento della strategia della destra radicale. Servono idee, progetti, proposte innovative per superare la crisi senza condannare alla disperazione e alla disoccupazione i giovani, i lavoratori e i ceti meno abbienti, gli immigrati regolari.

Se la sinistra non vuole morire d’inedia
E’ inutile girarci intorno: così com’ è stata costruita, specie negli ultimi vent’anni, l’Europa va bene solo per pochi, non per tutti.
La gestione della crisi può essere decisiva per il suo futuro, anche istituzionale. Il progetto europeo o si realizza come Unione dei popoli nella democrazia o non avrà vita facile.
In questa nostra civilissima Europa tira una brutta aria. Occorre uno sforzo più coerente e generoso per costruire una vera Unione, politica e sociale, dei popoli europei.
Se non vuole morire d’inedia, la “sinistra”, comunque connotata, deve rigenerarsi e impegnarsi a giocare un ruolo trainante in questa svolta, abbandonando sterili condotte minoritarie e posizioni di governo che, talvolta, non le competono.
Oggi, il problema prioritario è quello di difendere il potere d’acquisto, i diritti al lavoro e ai servizi fondamentali delle masse emarginate o in via di esclusione.
Diritti non adeguatamente difesi da una sinistra sempre incerta e penitente, oltre che divisa.
Da qui, anche, la disillusione, la sfiducia di taluni settori sociali sempre più attirati dai richiami razzisti e fascisti.
Come se quel seme malefico stia cominciando a ingravidare anche le parti più sane della società.

L’Italia si salva tutta intera o non si salva
Concludo, restando dentro la metafora, con una domanda: il (la) serpente potrebbe depositare il suo “uovo” anche in Italia?
Nel 1919 è accaduto, partendo da Milano e dalle lande più ricche e attive del nord italiano.
Il Sud, pur essendo prevalentemente conservatore, sfilò sotto le romaniche insegne ma non credo abbia aderito al fascismo con convinzione: glielo impedirono la sua ironia e la sua repulsione verso un ordine cialtrone e militaresco.
Oggi, che dire? Speriamo che non avvenga mai. Tuttavia, non si possono chiudere gli occhi di fronte alle crescenti pulsioni xenofobe, alle squadre, alle minacce di rottura dell’unità nazionale.
Un Nord ristrutturato e un Sud più sviluppato sono possibili e possono convivere nel quadro di uno rinnovato sforzo unitario e solidale, nella legalità e nella libertà. Checché ne pensino i sacerdoti del fiume più inquinato: l’Italia si salva tutta intera o non si salva.

21 settembre 2016

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.