TwitterFacebookGoogle+

M5S torna primo partito. Ma alla gente piace Gentiloni

Il MoVimento di Beppe Grillo torna primo nei sondaggi, con il Pd sotto di un punto e Paolo Gentiloni in testa alla classifica del gradimento dei leader in cui si fanno largo la leader radicale Emma Bonino e il ministro dell’Interno, Marco Minniti. Tuttavia, i due principali partiti di Centro-destra, Lega e FI, insieme ai Fratelli d’Italia, supererebbero il 30%. Sarebbero, dunque, competitivi. E’ quello che rivela un sondaggio condotto nei giorni scorsi per l’Atlante Politico di Demos e pubblicato oggi su Repubblica che fornisce due indicazioni: 

  • La crescita sensibile dei consensi del M5S e del suo attuale leader, Luigi Di Maio
  • La fiducia personale verso il premier, Paolo Gentiloni

Sul piano degli orientamenti di voto, rispetto allo scorso giugno, si assiste a una maggiore concentrazione dei consensi intorno ai due principali partiti, PD e M5S. Entrambi si rafforzano, negli ultimi mesi. Soprattutto il M5S, che cresce di circa 2 punti. Oggi, con oltre il 28%, è il primo partito. Più di un punto sopra al PD di Matteo Renzi. Dietro, nel Centro-destra, non cambia molto. La Lega e i Fratelli d’Italia appaiono stabil fra 13 e 14%. Ma Forza Italia scivola di oltre un punto. Superata dalla Lega di Matteo Salvini. A sinistra del PD, di scissione in scissione, il panorama appare confuso. Articolo 1-MdP guidato da Pier Luigi Bersani e Roberto Speranza, perde qualcosa ed è poco sotto il 4%. Il Campo Progressista di Giuliano Pisapia al 2% quanto Ap di Alfano

In cerca di un leader rassicurante

Paolo Gentiloni è il leader più apprezzato e dopo di lui una estranea alla politica di tutti i giorni come Emma Bonino. A distanza, per grado di fiducia ( intorno al 35-37%), si collocano Giorgia Meloni, Matteo Salvini, e Luigi Di Maio (il leader maggiormente in crescita di consensi). Accanto a Matteo Renzi. In lieve ripresa. Tutti gli altri leader politici dispongono di un credito più limitato. Pisapia vicino al 30%. Alfano: poco sopra il 20%. Speranza: poco sotto. Fra gli altri, però, si distingue il ministro Marco Minniti, alla prova della crisi migranti.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.