TwitterFacebookGoogle+

Ma se salta la stepchild saranno i giudici a decidere “Quei figli vanno tutelati”

Articolo di Maria Novella De Luca (Repubblica 19.2.16) “Già diverse le sentenze a favore di coppie gay e presto si pronuncerà la Consulta. I tribunali dei minori hanno già mandato un messaggio al Parlamento: deve sempre prevalere la garanzia degli affetti”

“”La via è stretta, in salita, disseminata di ostacoli, eppure esiste. Se la stepchild adoption venisse cancellata dalla legge sulle unioni civili, saranno i tribunali minorili a doversene occupare. E probabilmente ad applicarla. Esattamente come è accaduto per la legge 40 sulla procreazione assistita. Sono stati i tribunali ordinari, sentenza dopo sentenza (e poi la Cassazione e le Corti europee) ad autorizzare quanto il Parlamento aveva vietato nel 2004, rendendo oggi lecite gran parte delle tecniche che la legge 40 aveva soppresso. Nel caso dell’adozione del figlio del partner, ossia la stepdchil adoption, a cui tengono moltissimo le centinaia di “famiglie arcobaleno” italiane, cioè le coppie gay (maschili e femminili) con figli, anche se questo articolo venisse bocciato dal Senato, sarebbe possibile comunque ottenerle. Perché la norma è già contenuta nella attuale legge sulle adozioni, all’articolo 44, dove si parla di “casi particolari”. Quei casi in cui l’adozione può essere concessa anche al di là dei requisiti “canonici” ma a discrezione del giudice, in nome del benessere del bambino. Esattamente come ha fatto il tribunale dei minori di Roma, presieduto fino ad un mese fa dal giudice Melita Cavallo, che ha emesso ben 14 sentenze per coppie gay, permettendo così al genitore “non biologico” di adottare i figli del partner.
Racconta Cavallo: «Le nostre decisioni hanno aperto la strada all’adozione all’interno delle coppie gay. Abbiamo solo applicato la legge esistente. E ci tengo a sottolineare che la prima sentenza, da cui discendono tutte le altre, è stata confermata dalla Corte d’Appello di Roma, e se riceverà parere positivo anche in Cassazione, diventerà giurisprudenza ». Per valutarne l’idoneità, le coppie di madri e padri, aggiunge Melita Cavallo «sono state analizzati, sottoposti a perizie, abbiamo incontrato i bambini, e soltanto dopo una verifica capillare, in cui fosse evidente che per quei piccoli entrambe le figure erano “genitori”, abbiamo autorizzato l’adozione ». Del resto anche il contestato articolo 5 della Cirinnà, prevede che l’ultima parola spetti al giudice dei minori. Racconta Daniela, la cui richiesta è stata accolta dal tribunale: «L’indagine su di noi e su nostra figlia è stata accuratissima. Le nostre intere famiglie sono state coinvolte e osservate. Alla fine è arrivato il sì. Mi sembra un sogno…».
Del resto i giudici minorili hanno già mandato un messaggio chiaro al Parlamento: «I figli delle coppie omosessuali esistono e vanno tutelati». Hanno firmato in oltre 700 l’appello “Unioni gay: i bambini innanzitutto”. Infatti, con molte differenze, nei tribunali ciò che prevale è la garanzia degli affetti. Addirittura, nei casi maternità surrogata, come è avvenuto pochi giorni fa a Firenze. La sentenza, firmata dal giudice Laura Laera, ha affermato che per il bene del bambino, era giusto che restasse con quella coppia, e con quella “madre sociale”, nonostante fosse nato con una pratica vietata all’estero. A Milano, il tribunale ha autorizzato la trascrizione all’anagrafe dell’adozione, avvenuta in Spagna, di una bimba figlia di due madri italiane.
Giuseppe Spadaro è il presidente del Tribunale per i minori di Bologna, ha quattro figli adottati, e nel 2013 ha confermato l’affido familiare di una bambina ad una coppia di maschi gay. A differenza del giudice Cavallo, nel 2015, ha però rinviato alla Consulta (che deciderà tra pochi giorni) una richiesta di stepchild adoption. «Noi non possiamo sostituirci al legislatore. Però siamo di fronte ad un vuoto grave, perché i bambini delle coppie gay esistono e hanno il diritto di avere due genitori. E il problema non è se siano omosessuali o eterosessuali, l’importante è che siano buoni genitori. Se il Parlamento si sottrae al suo compito finirà che ancora una volta i magistrati dovranno “supplire” a questo vuoto. Ed è profondamente sbagliato».””

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.