TwitterFacebookGoogle+

“Macché crolli, a Rigopiano è tutto a posto”. La telefonata che confuse i soccorsi

Fu una telefonata ad alimentare la confusione intorno a ciò che era successo all’hotel Rigopiano. Il 18 gennaio, dopo il primo allarme lanciato dal superstite Giampiero Parete alle 17.10 (il cuoco aveva chiamato il 118), il Centro di coordinamento soccorsi della Prefettura contattò il direttore dell’hotel Bruno Di Tommaso (intorno alle 17.40) per verificare la segnalazione.

Ma lui, che in quel momento si trova a Pescara, non sapeva della valanga e, concentrato sulle difficoltà del terremoto e sull’isolamento per neve del Rigopiano, smentì qualsiasi crollo. A causa di questa chiamata, venne ritenuto inattendibile l’allarme successivo di Quintino Marcella, il ristoratore di Silvi Marina al quale nel frattempo aveva chiesto aiuto lo stesso Parete con una telefonata WhatsApp.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.