TwitterFacebookGoogle+

Macron convince al primo dibattito tv tra i candidati

Se in questi mesi a farla da padrone sono state le inchieste giudiziarie, ora la campagna elettorale per le presidenziali francesi è entrata nel vivo, con il primo dibattito televisivo fra i cinque principali candidati: Emmanuel Macron, Marine Le Pen, Francois Fillon, Benoit Hamon e Jean-Luc Mélenchon. Nonostante non abbia riservato grandi sorpresa, le tre ore su TF1 sono state seguite da 9,8 milioni di francesi, pari al 48% del pubblico nazionale.

Dato per favorito, l’ex ministro dell’Economia Macron si è difeso bene, riuscendo a evitare punti deboli e incertezze. Più aggressiva Marine Le Pen che dopo un avvio in sordina, ha tirato fuori i classici del suo repertorio, dalla minaccia islamica al protezionismo economico, fino all’Unione europea soffocante. Fillon, il più colpito dalle inchieste giudiziarie in questi mesi, ha preferito mantenere un basso profilo, presentandosi sobrio e composto.

Leggi anche: Gauche e gollisti addio, in Francia è l’ora degli outsider

Secondo un sondaggio pubblicato da BFM TV dopo il dibattito, il 29% dei telespettatori ha incoronato Macron come candidato più convincente, seguito al 20% dal rappresentate dell’estrema sinistra, Mélenchon, al 19% a pari merito la Le Pen e Fillon, mentre il socialista Hamon è l’ultimo con l’11%.

Le questioni sul tavolo:

  • società:

    • scuola
    • laicità 
    • sicurezza
    • immigrazione
       
  • economia:
    • protezione sociale
    • ruolo dello Stato
    • libero scambio
    • ore settimanali di lavoro
       
  • politica estera
    • Unione europea 
    • posizionamento internazionale

 

Guarda le foto

“Che presidente sarò”

Emmanuel Macron

Il candidato di En Marche! ha promesso “un progetto di alternanza profonda, con nuove facce e nuovi modi. Un progetto giusto, efficace, che porta speranza”

Notre pays se divise souvent sur la peur, sur le jeu que certaines et certains font de la peur. #LeGrandDébat

— Emmanuel Macron (@EmmanuelMacron) 20 marzo 2017

Marine Le Pen

​​La leader del Front National vuole essere “veramente il presidente della Repubblica, non la vice-cancelliera di Angela Merkel. Sarò il presidente che ridarà la parola al popolo perché le decisioni non siano più prese senza il suo accordo”

“J’organiserai un référendum sur notre appartenance à l’Union européenne, et je respecterai votre décision.” #DébatTF1 #LeGrandDébat

— Marine Le Pen (@MLP_officiel) 20 marzo 2017

Francois Fillon

​​Il candidato dei Repubblicani si è presentato come “il presidente della ripresa nazionale, metterò la Francia su un camino che in meno di dieci anni la renderà la prima potenza europea”

Entre les extrêmes qui conduiraient au chaos ou la continuité de la politique de F. Hollande, je suis le seul à proposer un vrai changement.

— François Fillon (@FrancoisFillon) 20 marzo 2017

Benoit Hamon

Il prescelto del Partito socialista ha assicurato che sarà “onesto e giusto, indipendente dalle lobby, finendola con le politiche fatte sempre dagli stessi, con gli sforzi chiesti sempre agli stessi”

Il faut regarder en face les défaillances de la République afin de remédier aux foyers de radicalisation sur notre territoire. #LeGrandDebat

— Benoît Hamon (@benoithamon) 20 marzo 2017

Jean-Luc Mélenchon

Il leader del Partito di Sinistra ha assicurato che sarà “l’ultimo presidente della V Repubblica, voglio ridefinire tutte le regole”

Nous allons créer 300 000 emplois en mer, 300 000 dans l’agriculture paysanne, 800 000 dans la transition énergétique. #LeGrandDébat

— Jean-Luc Mélenchon (@JLMelenchon) 20 marzo 2017

I sei esclusi dal primo dibattito

I sei candidati minori non hanno partecipato al primo dibattito in tv, e se ne sono lamentati. 

  • Nicolas Dupont-Aignanù
  • Nathalie Arthaud
  • Philippe Poutou
  • Jacques Cheminade
  • Jean Lassalle
  • François Asselineau
     

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.