TwitterFacebookGoogle+

Mafia: colpo a Cosa nostra messinese, decapitato clan che 'controllava' gli imprenditori

Colpo alla mafia messinese. Sgominata la ‘cellula’ operativa del clan Spartà, egemone sulla zona sud di Messina. I carabinieri del Comando di provinciale di Messina hanno eseguito 8 misure cautelari con il supporto del 12esimo Nucleo Elicotteri carabinieri di Catania, sulla base di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Messina su richiesta della Dda guidata dal procuratore Maurizio De Lucia: 7 i reclusi in carcere, uno agli arresti domiciliari per associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, usura, intestazione fittizia di beni e violazioni degli obblighi della sorveglianza speciale, tutti aggravati dal metodo mafioso.

Il provvedimento scaturisce da una complessa attività di indagine, denominata “Polena”, avviata nell’ottobre 2014 dal Nucleo Investigativo del Comando provinciale carabinieri di Messina, coordinata dai sostituti procuratori Liliana Todaro e Maria Pellegrino, che ha preso le mosse dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Daniele Santovito, che hanno fatto luce sull’attività del clan riconducibile al detenuto Giacomo Spartà (in carcere dal 25 marzo 2003), capo dell’omonimo Clan, egemone nel racket dell’usura e delle estorsioni in danno di commercianti ed avventori di sale scommesse, i cui proventi concorrevano ad alimentare la “cassa comune” della cosca. 

L’esistenza di un gruppo mafioso nel territorio del popoloso quartiere a sud di Messina, Santa Lucia Sopra Contesse, è riconosciuta in diversi provvedimenti giudiziari, alcuni dei quali divenuti definitivi. Gli elementi raccolti hanno evidenziato la piena operatività del gruppo criminale, ben strutturato e ben radicato nel territorio cittadino e che aveva in programma numerosi reati contro il patrimonio e la persona. Al vertice c’era Raimondo Messina, reggente del clan Spartà, insieme a Gaetano Nostro, entrambi in questo momento già detenuti.

La cosca si è costantemente dimostrata capace di interferire e di condizionare l’attività di alcuni imprenditori messinesi, non solo imponendo assunzioni di personale, ma anche imponendo loro le scelte imprenditoriali. In particolare, è stato accertato nel corso dell’inchiesta come, al fine di eliminare del tutto la concorrenza al bar “Il Veliero”, riconducibile a Saro Messina, un pasticcere sia stato obbligato a interrompere la vendita di bibite e caffé nel locale adiacente che, secondo gli arrestati, sarebbe stato responsabile di un calo degli introiti.

In un altro episodio, un imprenditore attivo nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, è stato costretto a interrompere le forniture di carne e lavorati di macelleria ad alcuni ristoranti cittadini per favorire la nascente attività di macelleria di uno degli indagati.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.