TwitterFacebookGoogle+

Mangiare troppi cibi grassi compromette segnali sazieta'

(AGI) – Denver, 8 lug. – Mangiare troppi cibi grassi puo’
danneggiare i nervi dello stomaco che segnalano al cervello
quando siamo pieni. A scoprirlo e’ stato un gruppo di
ricercatori della University of Georgia in uno studio
presentato in occasione del meeting annuale della Society for
the Study of Ingestive Behavior a Denver. La ricerca e’ stata
condotta su topolini alimentati con una dieta ad alto contenuto
di grassi. Dai risultati e’ emerso che una dieta non sana puo’
alterare l’equilibrio dei batteri dell’intestino, incoraggiando
quelli che prosperano nel grasso a moltiplicarsi e uccidendo i
batteri che preferiscono il cibo piu’ sano. Questo puo’ portare
all’infiammazione dei nervi e, di conseguenza, al cervello non
arrivano i segnali della sazieta’. In pratica questo
cambiamento puo’ portare a “una cattiva comunicazione tra
intestino e cervello”, hanno spiegato i ricercatori. Ad esempio
il cervello puo’ continuare a pensare che il corpo abbia
bisogno di cibo quando in realta’ e’ gia’ pieno. Tuttavia, i
ricercatori non hanno ancora capito se questo cambiamento e’
permanente o meno. Secondo gli studiosi, i nostri corpi
sarebbero “programmati” per cibarsi di prodotti provenienti da
fonti naturali e quando si cambia dieta, aggiungendo alimenti
artificiali e altamente trasformati, e’ possibile che si
sconvolga l’equilibrio dei batteri intestinali che finiscono
per confondere il cervello. (AGI)
.

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.