TwitterFacebookGoogle+

Marchesini, "le mie ceneri in un cofanetto all'accademia D'Amico"

Roma – “Ho gia’ adocchiato un posticino…”. Scriveva cosi’ Anna Marchesini nella sua pagine ufficiale, parlando del suo ‘dopo’. Un posticino nella sala riunioni della Accademia d’arte drammatica Silvio D’Amico dove avrebbe voluto fossero conservate le sue ceneri. “Ho gia’ adocchiato una vetrinetta in sala riunioni” scriveva l’attrice, “con un piccolo cofanetto verde di porcellana. Ritengo sia l’ideale per contenere le mie ceneri. E’ un’aspirazione che piano piano trovero’ il coraggio di far uscire alla luce. Che detto da un mucchietto di ceneri non e’ appropriato”, aggiungeva con la consueta ironia.

“Posso tentare… E se mi ribocciano?” scriveva ancora facendo riferimento ai due ‘no’ che ricevette prma di essere ammessa all’accademia di cui dal 2007 sarebbe diventata una delle insegnanti, “e se poi l’accademia trasloca? E se durante il trasloco il cofanetto verde si rompe? No, eh! Essere spazzata via dall’Accademia no mai piu’!”.Il rapporto di Anna Marchesini con la Silvio D’Amico e’ sempre stato molto stretto. “E’ stato il mio sogno entrare” scriveva, “Certe volte salivo in ascensore fino al quinto piano, salivo in ‘paradiso’ solo per sentire l’odore, attraversare un corridoio, fare una domanda, solo per ‘stare li'”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.