TwitterFacebookGoogle+

Marcione fu diffamato dalla Chiesa coi più volgari epiteti e con accuse inverosimili. 272

La Chiesa, fin dalle sue origini, fu costantemente travagliata da dure e spesso crudeli lotte interne per motivi di ortodossia religiosa. Cominciò Paolo quando, opponendosi ai cristiano-giudei di Gerusalemme che lo accusavano di menzogna, li coprì di anatemi e di calunnie ignominiose definendoli a più riprese: «cani», «storpi» e «apostoli di menzogne».
Sulla scia di Paolo, gli ortodossi cristiani affibbiarono ai dissidenti eretici gli appellativi più ignobili come «sozzura e vituperio», «figli della maledizione», «bestie prive di intelletto” «figli primogeniti di Satana», «bestie in forma umana», «maiali» e «bestie da macello per l’inferno»Per cui il filosofo pagano Celso poté scrivere che i cristiani: «si assalgono reciprocamente con invettive tanto aspre, che non si possono nemmeno ripetere» (Origene op. cit. 5,63).
Anche Marcione, per secoli avversato con odio implacabile,dovette subire dalla Chiesa le più volgari e inverosimili accuse. Egli e i suoi numerosi seguaci mai reagirono a queste ignobili aggressioni, anzi usarono sempre il massimo rispetto per tutti: cristiani e pagani. Siccome, data la sua condotta irreprensibile non prestava il fianco a facili attacchi, uno dei principali avversari cattolici, prendendo gioco della sua patria sul Mar Nero, scrisse: «In quei luoghi abitano tribù estremamente crudeli, ammesso che si possa usare il verbo abitare per uomini che vivono sui carri. Conducono una forma di esistenza primitiva; l’amore è indecente; i corpi dei genitori vengono fatti a pezzi e divorati insieme con brandelli di carni animali in orge disumane… Ma nel Ponto nulla vi è di più barbarico e infame del fatto che vi sia nato Marcione…, infatti, Marcione è davvero più implacabile e più tristo delle bestie feroci di quella terra barbarica» (Cit. da Buonaiuti, 1,97).
San Giustino, dopo aver accusato Marcione di essersi alleato col demonio (Just., Apol. 1, 26 e 58) e di aver pronunciato insulti contro Cristo e «parole e atti ostili a Dio e biasfemi», insinuò che i marcioniti – vegetariani osservanti, fatta eccezione per la carne di pesce – fossero persino antropofagi (Just., Tiyph. 35, 4 sg.; 80, 3. Apol. 1, 26). San Policarpo, vescovo di Smirne, chiama Marcione «primogenito di Satana» (Iren., adv. Haer. 3, 3, 4). Efrem, dottore della Chiesa del IV secolo, affibbia ai marcioniti e ad altri «eretici» l’appellativo di «lupi razziatori», «sporchi maiali» e «spaventevoli sacrileghi». Oltre ai più eminenti Padri della Chiesa: Giustino, Teofilo, Ireneo, Tertulliano si accanirono contro di lui molti altri, i cui nomi sono oggi appena conosciuti, come Filippo di Gortina, Modesto e Rodone.
La Chiesa lo bollò, quindi, come la quintessenza del male e lo denigrò con infami accuse, usando sistematicamente una tattica, poi adoperata con successo lungo il corso della sua storia, contro chiunque dissentisse dalla sua dottrina, giungendo alle estreme conseguenza condannando al rogo gli eretici e le presunte streghe, sempre in nome del suo Dio buono e misericordioso.
L’odio nei confronti di Marcione da parte di molti Padri della Chiesa può essere giustificato dal fatto che egli era uno spirito eccezionalmente dotato, una personalità intellettualmente e religiosamente superiore, tanto che poteva essere chiaramente sconfitto solo dalla volgarità e dalle accuse più inverosimili. Ancor oggi egli è sottoposto all’attenzione di studiosi, privi dei paraocchi ecclesiastici, in quanto superava di gran lunga i Padri della Chiesa del suo tempo e rispetto ad essi nutriva una comprensione ben più profonda della sostanza dell’insegnamento di Gesù.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.