TwitterFacebookGoogle+

Maresciallo dei carabinieri scivola nel dirupo e muore

Bolzano – E’ stato trovato senza vita il corpo del maresciallo dei carabinieri, Paolo Russo di 35 anni disperso da domenica pomeriggio tra le montagne dell’Alto Adige nella zona dell’alpe di Villandro. Il corpo e’ stato ritrovato nel primo pomeriggio dai soccorritori dopo due giorni di lunghe e incessanti ricerche. Russo, 35 anni di Ocre in provincia dell’Aquila, prestava servizio presso il Settimo Reggimento Carabinieri di Laives.

Il corpo era in fondo a un dirupo, conseguenza di una tragica scivolata lungo la via del rientro dopo un’escursione sull’alpe di Villandro, il secondo piu’ vasto alpeggio d’Europa che si trova tra le montagne dell’Alto Adige in val d’Isarco a nord rispetto a Bolzano. Il maresciallo era originario di Ocre in provincia dell’Aquila e risiedeva nel capoluogo altoatesino assieme alla moglie, in dolce attesa. Il sottufficiale della Benemerita era stato dato per disperso nel tardo pomeriggio di domenica quando non aveva piu’ dato notizie di sé. All’appuntamento con gli amici presso il campo da calcio del vicino paesino di Barbiano, Paolo non è mai arrivato. Anche la moglie non l’aveva piu’ sentito telefonicamente nonostante i suoi continui tentativi di raggiungerlo. Le operazioni di ricerca sono state immediatamente avviate e proseguite fino alla tarda notte di domenica. Riprese all’alba di ieri, oggi il ritrovamento del corpo. La presenza dell’auto di Russo, una Ford Leon di colore blu, nel parcheggio della baita Gasser, luogo naturale da dove partono le gite dirette alla vasta zona dell’alpe di Villandro, aveva fatto temere il peggio. Attorno alle 11 di domenica sul libro di vetta del Monte Villandro, seconda montagna piu’ alta del comprensorio (2.509 metri),il maresciallo aquilano aveva apposto la firma sul registro che si trova sulle cime. La macchina dei soccorsi ha visto impiegati oltre 100 uomini di diverse sezioni del soccorso alpino altoatesino, degli Alpenverein (il Cai sudtirolese) di Renon e Bressanone, vigili del fuoco volontari e squadre di carabinieri, nonche’ cani molecolari e anche quattro elicotteri, Pelikan 2 del 118 provinciale, Carabinieri, Guardia di Finanza e quello privato dell’Elikos. Nelle prime due settimane di settembre le vittime in montagna, solamente in Alto Adige, sono state undici.

Sempre oggi vicino Pordenone i Vigili del fuoco di Maniago hanno recuperato la salma di una donna segnalata nella tarda serata di ieri da un escursionista nel comune di Claut, al confine con la provincia di Belluno. Il corpo, ormai uno scheletro, e’ stato ricomposto nell’obitorio dell’ospedale di Maniago. Dai primi esami potrebbe essere quello di una donna – Janna Schneider, di 39 anni, docente tedesca – la cui scomparsa era stata segnalata nella zona dell’Alpago lo scorso 3 agosto. La sua auto era stata ritrovata solo 15 giorni piu’ tardi, parcheggiata nei pressi del rifugio Dolada. Accanto al cadavere e’ stato trovato il marsupio con i documenti di identita’ della scomparsa. La Procura di Pordenone ha disposto accertamenti per confermare la sua identita’. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.