TwitterFacebookGoogle+

Marinello (Ap), non partecipo al voto di fiducia

Roma – “Errori di metodo e di merito hanno condizionato in maniera negativa il disegno di legge sulle unioni civili che sara’ votato oggi al Senato. La conduzione dei lavori da parte del presidente Grasso e’ meritevole di una dura e profonda censura”. Lo ha affermato Giuseppe Marinello di Ap. “Infatti, e’ inaudito – ha aggiunto – che un argomento che incide in maniera cosi’ decisa sulla coscienza, e piu’ in generale sugli equilibri sociali ed umani, sia stato abbandonato alle determinazioni del governo. Un provvedimento che tra poco sara’ votato dall’Aula senza alcun esame da parte delle Commissioni competenti e senza che i parlamentari abbiamo avuto il tempo e l’occasione per discuterlo e, eventualmente, modificarlo. A questo si aggiunge la decisione di applicare il voto di fiducia che di fatto, contravvenendo a quanto dispone il regolamento, impedira’ il voto segreto su quelle parti del ddl che riguardano la coscienza e la liberta’ di determinazione dei singoli senatori. Un grave precedente che mai – ha sottolineato – si era verificato in Senato”.

“Altrettanta responsabilita’ grava sul Partito Democratico – aggiunge Marinello – che si e’ impuntato su un testo base palesemente divisivo, inaccettabile e impresentabile sul piano costituzionale e culturale, affidato ad un relatore che in quella Commissione non ha mai dimostrato capacita’ di ascolto e sensibilita’ su un tema che invece imponeva il massimo di apertura e dialogo. Dinanzi a questo contesto va fatto percio’ un forte plauso ad Angelino Alfano il quale e’ riuscito ad evitare il peggio, ottenendo un grande risultato sostanziale e politico e diminuendo gli effetti negativi sul piano sia culturale ed etica”. “Lo stralcio della stepchild – spiega – e’ un suo successo politico, unito all’opera di dialogo e di mediazione portata avanti sia dal presidente Schifani e sia dal presidente della Commissione Giustizia D’Ascola. Ma altrettanto importante il richiamo agli articoli 2 e 3 della nostra Costituzione ai quali sono state ancorate le formazioni sociali previste dal maxiemendamento del governo, senza alcun riferimento a quanto previsto dall’articolo 29. Nessuno quindi puo’ omettere il dato che Ncd e’ stato determinante per indirizzare il provvedimento lontano dalle pretese del mondo Lgbt e della minoranza del Paese, che vuole imporre una visione della vita che non appartiene alla cultura e societa’ italiana. Ciononostante ho deciso che non partecipero’ al voto consapevole che il voto di fiducia di questa sera e’ un voto tecnico e non politico. Infatti, un conto e’ il riconoscimento dei diritti delle coppie e delle convivenze, altra questione e’ riconoscere alle unioni omosessuali i diritti che tendono ad emulare il matrimonio, aprendo cosi’ a scenari che vanno contro la sensibilita’ e la coscienza comune”. “La mia personale sensibilita’, la coscienza ed il mio convincimento mi impongono di rispettare la natura umana, e consapevole del senso del limite che deve sempre guidare le liberta’ sia singole che collettive non partecipero’ al voto. Prendero’ atto del risultato che questa sera si determinera’ nell’Aula di Palazzo Madama, ma il mio impegno a favore della famiglia uomo-donna, dei diritti dei bambini ad avere un padre ed una madre continuera’ in tutte quelle sedi ed in quelle occasioni che consentiranno di rafforzare e qualificare la mia azione di cattolico impegnato nella societa’”, ha concluso Marinello. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.