TwitterFacebookGoogle+

Maro': Corte Suprema India rinvia ancora, decisione a luglio

(AGI) – New Delhi, 28 apr. – Totale incoerenza della Corte Suprema indiana che oggi ha deciso di rinviare a dopo il primo luglio – dopo oltre due mesi di vacanze estive – l’esame di tutte le cause pendenti inclusa quella dei due maro’, Massimiliano Latorre (cui la Corte ha concesso di restare in Italia fino al 15 luglio per completare la convalescenza dopo l’intervento al cuore del 5 gennaio scorso) e Salvatore Girone. Cio’ malgrado gli stessi giudici indiani nell’udienza del 9 aprile aveva stigmatizzato le tattiche, da loro definite, dilatorie della difesa italiana per rinviare l’inizio del processo. Il presidente della Commissione Difesa della Camera dei deputati, Elio Vito, presiedendo oggi la seduta delle Commissioni Esteri e Difesa riunite per discutere le proposte di legge quadro in materia di missioni internazionali, ha espresso, a nome proprio e di tutti i commissari, amarezza per la decisione della Corte suprema indiana di rinviare per l’ennesima volta l’avvio della discussione del ricorso presentato due fucilieri di marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. “Trovo gravissimo – ha commentato Elio Vito – che si continui a rinviare ogni decisione sui nostri militari, che da oltre tre anni ormai sono soggetti a restrizione della loro liberta’ personale, senza che non solo sia mai stata provata la loro colpevolezza o un qualche loro coinvolgimento, ma neanche sia stato mai sollevato nei loro confronti alcun capo di accusa”. .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.