TwitterFacebookGoogle+

Marte e il mistero della roccia comparsa dal nulla davanti a Opportunity

La roccia su Martedi  Edoardo Di Gennaro – 20/01/2014 –
L’oggetto ha un contenuto molto alto di magnesio e zolfo e vi sono dei livelli di manganese che sono il doppio di quelli riscontrati fino ad ora.  

Gli scienziati della NASA hanno detto che una roccia misteriosa è comparsa all’improvviso davanti al rover Opportunity durante l’esplorazione di Marte: «una cosa mai vista prima». Gli esperti si sono detti «completamente confusi» per l’accaduto, sia  per l’improvvisa apparizione, sia per l’aspetto dell’oggetto che attualmente sta venendo analizzato dagli strumenti di Opportunity. La notizia è stata riportata dall’Independent.

LA SCOPERTA – Gli astronomi si sono resi conto del fatto che la roccia era apparsa senza nessuna spiegazione apparente su uno sperone di roccia sporgente sul quale nei giorni precedenti non vi era nulla. Il rover era stato costretto a rimanere nella stessa zona per mesi a causa del maltempo, mentre gli scienziati del Jet Propulsion Laboratory (JPL) monitoravano le immagini mandate loro da Opportunity. La NASA ha stilato un rapporto sull’accaduto intitolato “encountering  a surprise”. Il capo della spedizione su Marte, Steve Squyres, ha detto che «sembra che il pianeta stesso ci stia lanciando nuove cose». Ha anche detto che le immagini risalgono a non più di un paio di settimane fa: «Abbiamo semplicemente visto questa roccia davanti a noi. Sembra che sia di colore bianco sui bordi e che al centro sia più scavata e di colore rosso. Ed è comparsa, semplicemente comparsa in quel punto, mentre noi non ci siamo mai mossi da lì» Squyres ha detto che il suo team ha due teorie che provano a spiegare come la roccia sia arrivata lì: o vi è un cratere nelle vicinanze che possa essere stato formato dalla caduta di un meteorite o che semplicemente la pietra sia stata sollevata dal terreno da una delle ruote de veicolo. «Ci siano mossi di un paio di metri e l’idea che la roccia sia stata spostata da una ruota è la spiegazione più plausibile», ha detto Squyres.

LE ANALISI – Eppure il tutto è diventato ancora più strano quando Opportunity a iniziato ad analizzare la roccia, secondo quanto riportato da Squyres «Abbiamo scattato delle foto  della roccia ed abbiamo ottenuto i primi dati sulla materia che sta al suo centro. Si tratta di una cosa che non abbiamo mai riscontrato prima, ha un contenuto molto alto di magnesio, zolfo e vi sono dei livelli di manganese che sono il doppio di quelli che abbiamo riscontrato fino ad ora. Non so cosa tutto questo possa significare. Siamo completamente confusi e tutto il team sta discutendo e si sta confrontando sulle ipotesi che possano indicare di cosa si tratti». Squyres ha aggiunto anche che il bello di questa missione è che non potrà mai considerarsi finita, perchè «vi sarà da scoprire sempre qualcosa di allettante e al di fuori della nostra portata». Squyres ha rilasciato queste dichiarazioni durante  un evento per commemorare il 10° anniversaio dell’arrivo di Opportunity e Spirit sul pianeta rosso. Mentre Spirit ha perso il contatto con la terra ed è stato dichiarato fuori uso nel 2010, Opportunity è riuscito a girovagare per il pianeta per un periodo molto maggiore rispetto ai tre mesi della missioni previsti inizialmente. La Nasa ha detto che il rover, che si muove ad una velocità di 0,06 km all’ora, il 15 gennaio 2014 era arrivato a percorrere poco più di 38 chilometri.

http://www.giornalettismo.com/archives/1310269/marte-il-mistero-della-roccia-apparsa-dal-nulla-davanti-a-opportunity/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.