TwitterFacebookGoogle+

Massaggi a luci rosse, prof universitario a capo di un giro di prostituzione

(AGI) – Brindisi, 16 set. – Centri benessere e massaggi come specchietto per le allodole. La Squadra Mobile di Brindisi ha sgominato un’associazione a delinquere dedita allo sfruttamento, all’induzione e al favoreggiamento della prostituzione di giovani ragazze cinesi guidata da un professore universitario dell’Ateneo di Salerno.

Massaggi hard: 10 arresti, tra cui un docente cinese

L’operazione, denominata ‘Peonia Rossa’ dal nome di uno dei centri massaggi nei quali le ragazze erano costrette ad esercitare l’attivita’ di meretricio ha portato all’arresto di dieci persone.

Stando a quanto ricostruito dagli investigatori, le straniere venivano costrette a prostituirsi con violenze e minacce e, in alcuni casi, sarebbe stata paventata dagli organizzatori dell’attivita’ criminale anche la possibilita’ di ritorsioni nei confronti di parenti rimasti in Cina. Il giro d’affari calcolato dagli investigatori si aggira intorno ai 150.000 euro al mese. (AGI) .

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.