TwitterFacebookGoogle+

Matrimonio gay. Ingenuità di un lettore su Italians – Corriere della Sera

Su Italians – Corriere della Sera, di martedì 8 settembre,  un lettore  chiede ingenuamente: “Perché chiamare melo un pero? Entrambi hanno la stessa dignità, ma se dal fruttivendolo chiedo un chilo di mele, e lui me le dà, non posso rifiutarle dicendogli che io volevo quelle fatte a forma di pera… Perché pretendere di usare una parola che ha un suo significato… per definire situazioni diverse?… qual è il senso se non quello, appunto, di un rifiuto della propria diversità?”. E’ evidente che il lettore non ha mai sentito parlare in linguistica di omonimia, omografia, ecc., altrimenti si dovrebbe chiedere anche perché chiamiamo “cera” il prodotto delle api e “cera” l’aspetto, “canto” un angolo, e “canto” una canzone, “vite” il plurale di vita e “vite” la pianta dell’uva, oppure, per fare un esempio ancora più azzeccato, visto le analogie, perché il termine “rete” ha sei o sette significati, compreso quello ultimo della rete web. Esempio più azzeccato, giacché ci sono analogie anche tra l’unione di due persone di sesso diverso e l’unione di due persone dello stesso sesso. E non è che chiamando con lo stesso nome realtà diverse, scompare la diversità. Se chiamo “rete” la rete del pescatore, o quella di un campo da calcio, o la rete internet, la loro diversità non muta assolutamente. E’ il contesto che determina il significato pieno di una parola. Solo uno sciocco può chiedere al fruttivendolo mele, desiderando pere, giacché questi frutti hanno nomi diversi, ma se parlo del matrimonio di Paola e Francesco tutti sanno di che cosa sto parlando, così come capiscono tutti al volo se parlo del matrimonio di Paola e Francesca.

Francesca Ribeiro

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.