TwitterFacebookGoogle+

Maugeri: Roberto Formigoni rinviato a giudizio

Maugeri: Roberto Formigoni rinviato a giudizioL’ex presidente della Regione Lombardia e attuale senatore di Ncd Roberto Formigoni, accusato di associazione per delinquere e corruzione, e’ stato rinviato a giudizio con altri 9 imputati tra cui l’ex assessore regionale Antonio Simone e il faccendiere Pierangelo Dacco’ per il caso Maugeri. Lo ha deciso il gup di Milano Paolo Guidi.Lo riporta l’Ansa.

I FATTI E LA STORIA –  Il rinvio a giudizio per Roberto Formigoni e altri 9 indagati, arriva a quasi 2 anni di distanza dall’avvio delle indagini. Questa la cronologia dell’inchiesta: – 13 aprile 2012: Con l’accusa di avere distratto 56 milioni di euro dalla Fondazione Maugeri di Pavia, finiscono in carcere, nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Milano, l’ex assessore alla Sanita’ lombardo Antonio Simone, il direttore amministrativo del polo sanitario Costantino Passerino, il consulente Gianfranco Mozzali, il commercialista Claudio Massimo e l’uomo d’affari Pierangelo Dacco’. Ai domiciliari va il Presidente della Fondazione, Umberto Maugeri. Le accuse a vario titolo sono riciclaggio, appropriazione indebita, associazione per delinquere, frode fiscale, fatture false. Dagli atti spunta il nome del Governatore Roberto Formigoni. – 14 aprile 2012: il ‘Celeste’ da’ mandato ai legali del Pirellone di querelare le testate giornalistiche che ”hanno parlato delle vicende legate alla FondazioneMaugeri come di vicende riguardanti la Regione Lombardia”. – 16 aprile 2012: vengono pubblicati sulla stampa i verbali in cui Giancarlo Grenci, fiduciario svizzero di Dacco’ indagato per associazione per delinquere, mette in relazione l’uomo d’affari e Formigoni: ”So che erano in rapporti d’amicizia e che risultano pagamenti con carte di credito di viaggi”. La replica del governatore lombardo: ”Un Presidente di Regione conosce tanta gente, nulla di male ad aver passato alcuni di giorni di vacanza con Dacco”’.

INDAGATI OR NOT – 12 giugno 2012: la portavoce di Formigoni precisa che il Governatore non e’ indagato. – 16 luglio 2012: la Guardia di Finanza sequestra a sei indagati, tra i quali Dacco’, uno yacht di 30 metri, mille bottiglie di vini pregiati per un valore di oltre 300mila euro, 34 immobili, auto, moto e quote di societa’, oltre a 50 conti correnti riconducibili agli indagati. La Procura ipotizza l’esistenza di un’associazione a delinquere transnazionale finalizzata a plurimi reati. Emergerebbe l’esistenza di oltre 70 milioni di fondi neri accumulati negli anni e di cui Dacco’ era il ‘tesoriere’. – 17 luglio 2012: il gip Tutinelli concede i domiciliari a Passerino e Mozzali, due indagati che forniscono indicazioni ritenute utili agli investigatori. – 25 luglio 2012: il capo della Procura di Milano Edmondo Bruti Liberati rende noto con un comunicato che Formigoni e’ indagato per corruzione aggravata dal carattere transnazionale. Secondo la ricostruzione della Procura, Formigoni avrebbe favorito con 15 delibere del Pirellone la Maugeri in cambio di un lungo elenco di ”utilita”’, il cui valore ammonterebbe a 8 milioni e mezzo di euro. ”Almeno 4 milioni – rivela un’informativa della Gdf – sarebbe lo ‘sconto’ di cui avrebbero goduto Formigoni e Alberto Perego (ndr memores domini convivente del Celeste) cui Dacco’ ha venduto una villa in Sardegna”. – 12 febbraio 2013: i pm Laura Pedio, Antonio Pastore e Gaetano Ruta notificano l’avviso di chiusura delle indagini al presidente della Lombardia e ad altre 16 persone tra cui, oltre a Dacco’, Simone e agli ex vertici della Maugeri, a Nicola Maria Sanese, segretario generale della Regione e al dg dell’assessorato alla Sanita’ Carlo Lucchina. Formigoni ironizza: ”Pensavo mi accusassero anche di omicidio e di strage e quindi posso dichiararmi soddisfatto”.

E POI – 8 maggio 2013: la Procura chiede il rinvio a giudizio per gli indagati. – 27 settembre 2013: la Fondazione Maugeri esce di scena patteggiando davanti al giudice preliminare un risarcimento complessivo di sedici milioni di euro. – 15 novembre 2013: ‘falsa partenza’ per l’udienza preliminare che viene subito rinviata perche’ la Corte d’Appello di Milano ha accolto l’istanza di ricusazione del gup Maria Cristina Mannocci (che aveva gia’ giudicato e condannato Dacco’ per il San Raffaele), presentata dalla difesa di Simone – 17 febbraio 2014: i pm ribadiscono la richiesta di rinvio a giudizio per Formigoni e gli altri indagati. Sulla richiesta decidera’ il gup, Paolo Guidi. Nel corso della discussione, il pm Pedio parla di tre flussi di denaro al centro del ”sistema” individuato dall’accusa: uno che sarebbe andato dalla Fondazione Maugeri e dal San Raffaele verso l’uomo d’affari Pierangelo Dacco’ e l’ex assessore al Pirellone Antonio Simone, entrambi imputati; un secondo dagli stessi Dacco’ e Simone sarebbe consistito in utilita’ a vantaggio di Formigoni; infine, un terzo sarebbe andato dalla Regione a Maugeri e San Raffaele. Formigoni ‘risponde’ (fuori dall’aula): ”Dov’e’ la novita’? E’ da qualche anno che i pm di Milano chiedono il mio rinvio a giudizio, ma non sono mai riusciti a dimostrare la mia colpevolezza”. Scheda a cura dell’Agi.

http://www.giornalettismo.com/archives/1389191/maugeri-roberto-formigoni-rinviato-a-giudizio/

Fonte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.