TwitterFacebookGoogle+

May annuncia elezioni anticipate in Gran Bretagna l'8 giugno

Il premier britannico, Theresa May, ha annunciato elezioni anticipate per l’8 giugno: ha chiesto agli elettori sostegno per il negoziato sulla Brexit con l’Ue. 

UK PM @theresa_may announces snap general electionhttps://t.co/JRjQmfCY6Z pic.twitter.com/yZbVqY70ng

— BBC Breaking News (@BBCBreaking) 18 aprile 2017

Serve una “leadership forte nell’interesse nazionale”, ha affermato, parlando di fronte al 10 di Downing Street. “E’ l’unico modo per dare certezza e stabilità al Paese nei prossimi anni”, ha proseguito, indicando una decisione presa con “riluttanza”: “Pensavo non ce ne fosse bisogno” di votare prima. Ma, ha aggiunto, “è con grande convinzione” che lotterà per dare una guida forte al Paese.

La May si rivolgerà alla Camera dei Comuni: come ha ricordato il Guardian, per indire elezioni anticipate ha bisogno dei voti dei 2/3 dell’assemblea, cioè 434 deputati: con Conservatori (330) e Laburisti (229) insieme, ha la maggioranza.

Tutte le volte che la May ha detto: niente voto anticipato

The Independent ha immediatamente postato una lista delle volte che la May ha assicurato che non avrebbe indetto elezioni anticipate: dal 4 settembre 2016 fino al 20 marzo 2017, la leader dei conservatori ha ribadito pubblicamente almeno in quattro occasioni che le elezioni anticipate non erano in programma.

  • 30 giugno 2016: “Non ci dovrebbero essere elezioni generali fino al 2020. Ci dovrebbe essere una dichiarazione autunnale normale, tenuta in modo normale, nel tempo normale, senzauna finanziaria d’emergenza”. 
     
  • 4 settembre 2016: “Non indirò elezioni anticipate. Sono stata molto chiara, penso che abbiamo bisogno di questo periodo di tempo, di questa stabilità, per essere in grado di gestire i temi che il Paesi ha di fronte a sè e andare a elezioni nel 2020”.
     
  • 1 ottobre 2016: “Theresa May ha escluso la possibilità di elezioni generali prima del 2020 a causa del rischio di ‘instabilità’ posto da un voto anticipato”.
     
  • 7 marzo 2017: una fonte al numero 10 di Downing Street ha detto: “Non succederà. Non è qualcosa che pianifica o vuole fare”.
     
  • 20 marzo 2017: “Un portavoce di Downing Street ha dichiarato a una conferenza di giornalisti a Westminster lunedì mattina – Non c’è nessun cambiamento nella nostra posizione su elezioni anticipate. Non ci saranno elezioni generali”.

All the times Theresa May said there would be no general election https://t.co/LzVu9IY6aS

— The Independent (@Independent) 18 aprile 2017

Le reazioni degli avversari politici

“I Laburisti offriranno al Paese un’alternativa efficace al governo”, ha immediatamente commentato il leader della sinistra, Jeremy Corbyn, su Twitter, parlando di “scelta chiara e credibile del partito” che voterà a favore delle elezioni anticipate.

I welcome the PM’s decision to give the British people the chance to vote for a government that will put the interests of the majority first pic.twitter.com/9P3X6A2Zpw

— Jeremy Corbyn MP (@jeremycorbyn) 18 aprile 2017

Risposta dura anche dal primo ministro scozzese, Nicola Sturgeon, convinta che “i Tories vedano la possibilità di orientare il Regno Unito a destra, attraverso una Brexit dura e l’imposizione di tagli più profondi”. 

The Tories see a chance to move the UK to the right, force through a hard Brexit and impose deeper cuts. Let’s stand up for Scotland. #GE17

— Nicola Sturgeon (@NicolaSturgeon) 18 aprile 2017

Che sia “un’occasione per cambiare la direzione del Paese” ne è convinto anche Tim Farron, leader dei Lib-Dem.

This is your chance to change the direction of your country pic.twitter.com/wfj4wC7yn3

— Tim Farron (@timfarron) 18 aprile 2017

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.