TwitterFacebookGoogle+

Medici di famiglia scioperano per la convenzione, studi chiusi il 19 maggio

(AGI) – Roma, 24 apr. – A fronte dello stallo nella trattativa per il rinnovo delle convenzioni, i medici di famiglia della Fimmg proclamano uno sciopero per il 19 maggio. “La Sisac – sottolinea la Fimmg – nega la validita’ dell’accordo siglato il 4 marzo dalle organizzazioni sindacali con il Presidente del Comitato di Settore, considerandolo espressione di valutazioni personali del medesimo” Secondo Fimmg la Sisac “da organo tecnico delle Regione diventa una illegittima sede di valutazioni e scelte politiche, che trascendono da qualsiasi potere d’indirizzo e di verifica di organi politici e di settore delle Regioni. Meglio sarebbe riportare le trattative dei professionisti convenzionati nell’ARAN, dove una consolidata esperienza e tradizione negoziale potrebbe garantire un comportamento piu’ corretto nei confronti delle OOSS e della categoria”. “Il mese di maggio – si legge ancora nella nota – vedra’ un numero di iniziative di contrasto sindacale senza precedenti e di informazione dei nostri pazienti da parte dei medici Fimmg e lo sciopero sospeso verra’ immediatamente ripreso, dichiarando gia’ da oggi un primo giorno di sciopero per il 19 maggio. La Conferenza delle regioni o il suo autoreferenziale succedaneo, la Sisac, si assumano la responsabilita’ di spiegare ai cittadini le ragioni di tale comportamento dilatorio e delle sue conseguenze rispetto alla necessita’ di sviluppo delle cure territoriali secondo le esigenze del paese e non secondo i desiderata ideologici di un enclave funzionariale. Noi lo faremo!”. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.