TwitterFacebookGoogle+

Mein Kampf, sì o no?

Di Piergiorgio Odifreddi-

Ho appena letto un’interessante opinione di Carlo Rovelli a proposito della lettura del Mein Kampf. La sua idea, perfettamente condivisibile, è che fa bene sapere cosa pensa chi si critica, per evitare di non capire le cause oggettive del suo comportamento, indipendentemente dal giudizio soggettivo che ne diamo.

Aggiungerei che sono proprio i regimi totalitari a proibire i libri, per due paure contrapposte. La prima, che le idee in essi esposte possano essere condivisibili, e dunque contagiose. E la seconda, che quei libri svelino qualche altarino che è bene tenere velato.

Il primo Indice dei Libri Proibiti, stilato dalla Chiesa dopo il Concilio di Trento, ad esempio, iniziava con il proibire le edizioni in volgare della Bibbia. Il motivo era ovvio: leggendole, i fedeli avrebbero potuto scoprire che razza di fede veniva loro predicata. Da parte mia, cioè dalla parte degli atei, io penso che non solo la Bibbia non debba essere proibita, ma debba essere letta, proprio perché non c’è libro più utile di quello per la causa anticlericale.

La stessa cosa vale per il Mein Kampf. Cosa c’è di meglio, per combattere il nazismo, che leggere i deliri di un matto e giudicarli per quello che sono? Ma nel caso specifico, c’è anche un altro motivo per leggerli, ed è capire quali erano i modelli del delirante progetto nazista.

E qui arriviamo al discorso degli altarini. Perché alcuni di coloro che vorrebbero impedire la lettura del Mein Kampf sanno benissimo ciò che viene sempre accuratamente taciuto. E cioè, che Hitler dice di ispirarsi, per la “soluzione finale del problema ebraico”, all’analoga “soluzione finale del problema indiano”, portata con successo a termine dagli Stati Uniti con lo sterminio di diciotto milioni di nativi americani. E, per quanto riguarda i metodi da adottare per la realizzazione del progetto, Hitler dice di ispirarsi ai metodi spietati dell’Inquisizione.

Ovvio che può essere imbarazzante, in un mondo come il nostro, che vede appunto negli Stati Uniti e nella Chiesa Cattolica i suoi punti di riferimento politici ed etici, scoprire che quelli erano anche i modelli di Hitler. Anche perché la scoperta potrebbe provocare un duplice ripensamento, sulla nostra vera identità e su quella dei nostri modelli.

Non c’è naturalmente bisogno di leggere il Mein Kampf, per questo. Basterebbe un po’ di conoscenza della storia, anche se forse non di quella che si insegna a scuola e si diffonde nei media. Ad esempio, le leggi eugenetiche del regime nazista erano dichiaratamente ispirate a quelle che gli Stati Uniti avevano introdotto fin dagli inizi del Novecento, e che la Corte Suprema aveva dichiarato costituzionali. E ancora negli anni ’50, dopo la caduta del nazismo, negli Stati Uniti furono castrati chimicamente 50.000 omosessuali, quando ancora non si parlava dell’Is e di stragi come quella di Orlando.

Ben venga dunque qualunque mezzo, fosse pure la lettura di un libro delirante come il Mein Kampf, per superare la visione politicamente corretta della storia, che troppo spesso ci presenta il mondo diviso in maniera manichea tra “buoni” e “cattivi”, dimenticando che altrettanto spesso si tratta di categorie definite a nostro uso e consumo.

http://odifreddi.blogautore.repubblica.it/2016/06/14/mein-kampf-si-o-no/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.