TwitterFacebookGoogle+

Messico, si vota: giornalista ucciso a poche ore dall'apertura dei seggi

Non si ferma la violenza in Messico, a poche ore dall’apertura dei seggi: un giornalista è stato ucciso nello Stato meridionale di Quintana Roo. Circa 89 milioni di messicani sono oggi chiamati al voto per eleggere il nuovo presidente e oltre 3.400 cariche pubbliche, tra le quali deputati, senatori, otto governatori e il capo del governo di Città del Messico. Grande favorito dai sondaggi è il populista di sinistra Andres Manuel Lopez Obrador. Ma la campagna elettorale è stata una delle più violente della storia recente, con 130 vittime, tra cui decine di politici uccisi in tutto il Paese. Il Messico è anche uno dei paesi più pericolosi per i giornalisti, 45 vittime dal 1992, secondo il Committee to Protect Journalists. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.