TwitterFacebookGoogle+

Migranti, 22 morti su un gommone al largo della Libia

Palermo – Sono morti per soffocamento, schiacciamento e annegamento i 22 migranti, tra cui 21 giovani donne, trovati senza vita in un gommone da nave Aquarius di Sos Mediterranee, al largo della Libia. Lo riferisce Medici senza frontiere, il cui personale e’ intervenuto ieri sera sul natante alla deriva dove gli immigrati erano stati stipati dai trafficanti. “Sono morti orribilmente”, commenta un medico, “schiacciati nella ressa da chi voleva assicurarsi un posto per fuggire dalla Libia”. Salvati nel corso degli interventi della Ong 203 persone.

Intanto altri 628 migranti sono giunti a Pozzallo (Ragusa)recuperati dalla nave “Bourbon Argos” di Medici senza frontiere nel Canale di Sicilia. Tra loro 101 donne, nove in gravidanza, e 13 bambini. Sono in prevalenza eritrei e nigeriani. Il centro di prima accoglienza di Pozzallo è stato svuotato ieri mattina con la partenza delle ultime 106 persone. A Catania, invece, condotti 841 persone salvate nel Mediterraneo dalla nave militare spagnola “Reina Sofia”. A bordo c’è anche un cadavere. Ieri nei porti di Palermo, Trapani, Augusta e Messina erano giunti circa 2500 migranti. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.