TwitterFacebookGoogle+

Migranti: 57 donne e bambini sbarcati a Pozzalo, bimbi ustionati

Sono 57 le donne e i bambini sbarcati nel porto di Pozzallo (Ragusa), dove sono terminate le operazioni autorizzate dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per i soggetti più deboli del gruppo di circa 450 migranti soccorso due giorni fa al largo di Linosa. Nel dettaglio, scono scesi a terra 14 bambini e 43 donne. Le condizioni di alcuni bambini sono state giudicate delicate per ustioni dovute alla prolungata esposizione al sole. Dopo le prime procedure di identificazione appena sbarcati dalla motovedetta della Guardia di Finanza, i migranti – tutti trasbordati dalla nave “Monte Sperone” della Guardia di finanza – sono stati accompagnati all’hotspot di Pozzallo.

Sono rimasti a bordo della nave britannica”Protector”, impegnata nel dispositivo Frontex, 185 uomini. La “Protector” resta ancorata nei pressi di Pozzallo per una avaria ad uno dei motori. La “Monte Sperone”, unita’ della Guardia di finanza, ha a bordo 195 uomini. Allo stato attuale il piano di redistribuzione avrebbe dato una destinazione a 250 migranti verso altri stati.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.