TwitterFacebookGoogle+

Migranti: a Venezia in 2500 a piedi scalzi per dire si' ad asilo

(AGI) – Venezia, 11 set. – Con la mostra del Cinema di Venezia come sfondo e tagliando simbolicamente una rete azzurra con attaccati una decina di scatti presi fra il deserto, le frontiere e Calais, oggi circa 2.500 persone hanno sfilato scalze al Lido per chiedere corridoi umanitari, asili politici piu’ facili e una maggior solidarieta’ a livello europeo per i migranti che arrivano dall’Africa e dal Medio Oriente. Alla ‘marcia a piedi scalzi’, promossa da artisti e uomini di cultura, hanno partecipato, oltre a numerosi migranti, anche alcuni politici, fra cui il leader di Sel, Nichi Vendola, Stefano Fassina, Flavio Zanonato, diversi europarlamentari, sindacalisti, fra cui il segretario della Cgil, Susanna Camusso, rappresentanti dei movimenti e dei centri sociali e tanta gente comune di ogni eta’. Il corteo, partito dall’imbarcadero di Santa Maria Elisabetta, ‘porta’ d’accesso al Lido di Venezia, ha sfilato fino al palazzo del Cinema, approfittando della passerella mediatica che la Mostra del Cinema offre. “La nostra Europa non ha confini, siamo tutti clandestini” ed “ecco chi sono i veri clandestini: Orban, Le Pen e Matteo Salvini”, hanno ritmato i manifestanti, che a meta’ marcia hanno anche immerso i piedi nudi in alcune bacinelle di vernice, per lasciare, con le proprie orme, un segno tangibile della loro sfilata. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.