TwitterFacebookGoogle+

Migranti, al via la costruzione del muro di Calais

Londra – La Gran Bretagna avvierà questo mese la costruzione di un grande muro a Calais, per impedire il passaggio dei migranti dal nord della Francia. Lo ha annunciato il ministero dell’Interno di Londra. “La grande muraglia”, come è stata soprannominata, sara’ alta 4 metri e lunga un chilometro. Si prevede che i lavori termineranno entro la fine dell’anno, costeranno circa 2,7 milioni di euro e saranno finanziati dal governo britannico, come previsto da un accordo raggiunto con la Francia a marzo.

Fece sgambetto a migranti, incriminata giornalista ungherese

Il muro lambirà per un chilometro entrambi i lati dell’autostrada che dalla città del nord della Francia porta all’imbarco dei traghetti per Dover e al tunnel per i treni che transitano sotto la Manica.  La barriera servirà a proteggere la strada dalle irruzioni e dai tentativi di saltare sui Tir dei migranti, che in 3.000 dei vivono nella vicina baraccopoli, la cosiddetta “Giungla”. Richard Burnett, direttore dell’Associazione autotrasportatori britannici, categoria spesso coinvolta nei tentativo di entrare clandestinamente in Gran Bretagna, ha parlato di “cattivo uso del denaro dei contribuenti” sottolineando che sarebbe stato preferibile spendere quei soldi per “aumentare la sicurezza lungo le strade di accesso”.  
Nella zona sono gia’ state erette diverse barriere per proteggere il porto, il terminal dell’Eurotunnel e i binari ferroviari 
sull’altro versante di Calais che non verranno smantellate.  Il sottosegretario per l’immigrazione britannico, Robert Goodwill, ha sottolineato come la sicurezza intorno al porto sia stata “intensificata ricorrendo a un miglioramento delle infrastrutture”.
 
 
L’emergenza migranti a Calais risale alla guerra in Kosovo – tra il 1996 e il 1999 – e alla fuga dai Balcani verso l’Europa centrale per chiedere asilo politico. Molti migranti rimasero bloccati nel porto di Calais e così il governo francese chiese alla Croce Rossa di aprire un centro di accoglienza in un grande capannone a Sangatte che era stato usato come deposito durante i lavori di costruzione del tunnel della Manica. Il centro doveva accogliere 600 persone ma in pochi mesi si riempì di oltre 1.500 persone, per lo più curdi, afghani e iraniani. Oltre alla situazione di degrado in cui si trovava,
il centro divenne una “base” per provare a salire sui tir che a loro volta venivano caricati sui treni diretti in Inghilterra. Così nel 2002 Londra ottenne dalla Francia  la graduale chiusura del campo di Sangatte  Al suo posto nacque la ‘giungla’, una nuova baraccopoli che la polizia sgombrò nel settembre 2009. Dopo lo sgombero il governo francese offrì asilo alle persone fermate nel campo, che però erano solo una piccola parte di quelle che vivevano a Calais all’epoca: molte erano scappate prima dello sgombero, disperdendosi.  Negli anni successivi la Giungla si è ripopolata finchè l’eemrgenza migranti del 2015 non ha fatto riesplodere il problema, arrivando a un picco di 4.000 migranti presenti nell’area.  (AGI)
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.