TwitterFacebookGoogle+

Migranti: Aquarius, “141 a bordo, governi Ue ci diano un porto”

Dopo aver soccorso negli ultimi due giorni 141 migranti nel Mediterraneo, la nave “Aquarius” di Sos Mediterranee e Medici senza frontiere (Msf) chiede ai governi europei “di assegnare un luogo sicuro di sbarco più vicino possibile in conformità con il diritto internazionale marittimo in modo che le persone salvate in mare possano essere sbarcate e l’Aquarius possa continuare a fornire la necessaria assistenza umanitaria”. La nave ha informato le autorità di Italia, Malta e Tunisia e Libia. Ora si dirige verso Nord in attesa di risposta su dove approdare. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.