TwitterFacebookGoogle+

Migranti, Austria inizia lavori per barriera al Brennero

Roma – L’Austria ha iniziato al Brennero i lavori per la costruzione di una barriera per limitare, se necessario, l’accesso ai migranti provenienti dall’Italia. Lo ha comunicato il capo della polizia tirolese Helmut Tomac, citato dal quotidiano Diepress. Tomac ha spiegato che la struttura sara’ lunga 250 metri e interessera’ sia l’autostrada che la strada statale. Nella prima fase di lavori sara’ modificata la segnaletica stradale. A fine maggio, ha spiegato Tomac, potrebbero partire i controlli, anche se sara’ il ministero dell’Interno di Vienna a stabilire quando saranno avviati.

Intanto sono scoppiate nuove proteste a Idomeni, il campo profughi al confine greco-macedone; Atene e Skopje si accusano reciprocamente dopo il tentativo domenica di centinaia di migranti di forzare la frontiera. Atene ha accusato il governo macedone di “uso eccessivo della forza”. “E’ una grande vergogna per la societa’ europea e per un paese che ne vuole far parte”, ha affermato il premier Alexis Tsipras ha affermato il capo del governo di Atene. Skopje ha reagito sostenendo che la polizia greca e’ stata troppo passiva di fronte al tentativo dei migranti di forzare il passaggio. “Nel corso degli incidenti, la polizia greca non ha neanche cercato di intervenire e fermare gli incidenti”, ha fatto sapere in una nota il ministero dell’Interno macedone.

A Idomeni ci sarebbero nuove tensioni, secondo Medici senza Frontiere. Dei dieci migranti ricoverati domenica, solo un paio sono ancora in ospedale. Ma sono stati in tutto circa 300 i profughi che domenica hanno dovuto fare ricorso alle cure mediche perche’ la polizia macedone ha usato gas lacrimogeni e, secondo il governo greco e le ong, anche proiettili di gomma: al termine, almeno 200 migranti avevano problemi respiratori, 30 avevano ferite causate dal proiettili di plastica e 30 altre lesioni.

Il presidente greco, Prokopis Pavlopulos, ha criticato duramente la Macedonia per gli incidenti e li ha definiti “inaccettabili” per un Paese che aspira a unirsi all’Ue e alla Nato”, “comportamenti” che “non hanno posto” ne’ nell’Ue ne’ nell’organizzazione transatlantica. Il portavoce del servizio greco di coordinamento della crisi, Giorgio Kyritsis, ha parlato di “uso eccessivo e squilibrato” della violenza, accusando Skopje di aver creato “una situazione molto difficile in territorio greco”. Il governo greco ha aggiunto di aver inoltrato “proteste molto forti” con le autorita’ macedoni e anche contro altri Paesi europei che hanno inviato osservatori “sul lato macedone”, tra cui Slovenia e l’Ungheria. “Preoccupazione” e’ stata espressa dall’Alto commissariato per i rifugiati dell’Onu.

Intanto in Bulgaria i difensori dei diritti umani hanno chiesto un’inchiesta dopo le brutali immagini di migranti, fermati da civili: trasmesse da diversi canali televisivi, la sequenza, girata con un telefono cellulare, mostra tre migranti, gli occhi spaventati, sdraiati a pancia in giu’ con le braccia legate, tra la boscaglia al confine bulgaro-turco. “Se tali iniziative verranno lasciate passare, si moltiplicheranno”, ha lanciato l’allarme Krassimir Kanev, presidente della ong Comitato Helsinki.

Continuano, infine, gli sbarchi in Sicilia: la nave ‘Diciotti’ della Guardia costiera ha salvato 740 migranti nel Canale di Sicilia. Due le operazioni che hanno visto all’opera l’unita’ navale. Ma i soccorsi non si fermano. Nave ‘Fulgosi’ della Marina militare, impegnata nel dispositivo “Mare sicuro”, e’ intervenuta in aiuto di un gommone avvistato al largo della Libia con numerosi migranti a bordo. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.