TwitterFacebookGoogle+

Migranti: bimbo afghano 9 anni tenta suicidio in centro croato

(AGI/EFE) – Ginevra, 25 set. – Un bambino afghano di 9 anni ha tentato il suicidio nel centro di accoglienza di Opatovac, in Croazia. Lo ha riferito l’Unicef, sottolineando le condizioni estremamente dure in cui vivono i bambini rifugiati che arrivano in Europa. A salvare il piccolo e’ stato il pronto intervento di un volontario, insospettitosi nel vederlo maneggiare una tasca di un pantalone, mentre con l’altra mano stava disegnando. Improvvisamente il bambino ha estratto dalla tasca un oggetto metallico e ha tentato di conficcarselo nel collo. Il volontario e’ riuscito a bloccarlo, per poi accorgersi che la tasca era piena di oggetti metallici appuntiti, frammenti di una lattina di Coca Cola. Dai successivi colloqui con uno psicologo si e’ scoperto che il bambino ha perso il padre, la madre era stata uccisa in Afghanistan e lui era scappato con uno zio e la sorella, morta durante il viaggio. Zio e nipotino avevano intenzione di raggiungere la Germania. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.