TwitterFacebookGoogle+

Migranti: Juncker "cifre da paura""Ma serve la solidarieta' di tutti"

(AGI) – Strasburgo, 9 set. – I numeri che riguardano la crisi dei migranti sono “spaventosi, ma questo non e’ il momento di avere paura, e’ il momento di un’azione concertata e della solidarieta’”: cosi’ Jean Claude Juncker ha aperto il suo primo discorso sullo Stato dell’Unione europea, dinanzi al Parlamento di Strasburgo. Juncker ha aggiunto che “e’ il momento in cui deve prevalere la dignita’ umana. Tutti noi dobbiamo ricordare che l’Europa e’ un continente in cui siamo stati tutti, in un qualche momento della storia, dei rifugiati”.

“Abbiamo i mezzi e gli strumenti per aiutare chi fugge da guerra e oppressione” ha aggiunto, “l’Europa nonostante le divergenze interne tra gli Stati e’ il continente piu’ stabile e ricco di tutto il mondo”, ha ricordato. “Tutti devono ammettere che questo e’ un luogo di pace e stabilita’ e ne dobbiamo essere orgogliosi”. Juncker ha ricordato che il numero dei migranti arrivati in Europa e’ importante ma comunque esiguo in termini percentuali: al momento i rifugiati in Europa rappresentano lo 0,1 per cento della popolazione, mentre in Libano sono il 25% degli abitanti. E ha chiamato in causa i parlamentari direttamente, cercando di farli calare nelle vesti dei singoli profughi: “Non ci sarebbe prezzo che non paghereste per fuggire, non c’e’ mare che non cerchereste di attraversare, non c’e’ confine che non cerchereste di varcare se alle vostre spalle c’e’ l’Isis”. 

“Fuggono dall’Isis, voi che fareste?”

L’Europa ha il dovere di accogliere “tutti quelli che fuggono dallo Stato islamico” ha detto il presidente della Commissione europea che ha invitato a “mettersi nei panni” dei rifugiati in fuga dall’estremismo dell’Isis: “Voi che fareste? Con un figlio, attraversereste qualsiasi mare”. Ecco perche’, ha aggiunto nel suo discorso al Parlamento europeo, “anche se costruiamo muri e barriere, i rifugiati non smetteranno di viaggiare verso l’Europa”. Quindi il fenomeno deve essere affrontato “senza paura”. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.