TwitterFacebookGoogle+

Migranti: naufragio nell'Egeo, 13 morti tra cui 4 bambini

(AGI) – Atene, 20 set. – E’ di almeno 13 migranti morti il bilancio di uno scontro tra un gommone e un traghetto nel mar Egeo. Sul gommone, partito dal porto turco di Canakkale e diretto a Lesbo, viaggiavano 46 persone.

Tra gli annegati vi erano almeno quattro bambini. I migranti tratti in salvo sono 20 mentre mentre altri 13 sono dispersi.

Il naufragio e’ stato localizzato da un elicottero lituano di Frontex e ne ha dato notizia anche l’agenzia turca Dogan News.

Sabato una bimba siriana di cinque anni era morta e altri 13 migranti sono risultati dispersi dopo l’affondamento di un altro barcone lungo la rotta tra la Turchia e la Grecia e venerdi’ il corpo di un’altra bimba siriana di quattro anni era stato trovato su una spiaggia della Turchia occidentale. Sono invece tra i 12.000 e i 13.000 i migranti arrivati in Austria nella sola giornata di sabato: lo ha riferito il direttore della Croce Rossa locale, Gerry Foitik. Si tratterebbe per lo piu’ di migranti che dalla Croazia erano stati fatti arrivare in Ungheria e che Budapest ha deciso di lasciar proseguire verso l’Austria.

Oggi gia’ 4.700 arrivi in Austria dall’Ungheria – Sono 4.700 i migranti arrivati oggi in Austria dall’Ungheria attraverso il valico di Nickelsdorf dopo che nella giornata di sabato erano stati 11.000: lo ha riferito la polizia austriaca. Per la maggior parte si tratta di migranti che stanno affrontando un’odissea per attraversare i Balcani, con ben 21.000 arrivi in quattro giorni nella sola Croazia. La Croce Rossa austriaca ha fatto sapere che cira 2.000 migranti sono riusciti a entrare in Germania aggirando i valichi di frontiera. (AGI) .

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.