TwitterFacebookGoogle+

Migranti, Palazzo Chigi: anche la Germania accoglierà 50 persone

Dopo Francia e Malta, oggi anche la Germania ha dato la sua disponibilità ad accogliere 50 dei 450 migranti recuperati al largo di Lampedusa e ora a bordo delle due navi ferme davanti a Pozzallo. È quanto si apprende da fonti di governo che considerano “un successo” la reazione dei Paesi Ue alle richieste dell’esecutivo italiano.

“Complimenti al nostro presidente Conte che in poco tempo è riuscito a ottenere rispetto dall’Europa, finalmente le responsabilità sulla gestione dei flussi migratori saranno condivise da tutti i leader Ue”. Lo affermano i capigruppo M5s di Camera e Senato, Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli, che aggiungono: “Gli italiani possono essere fieri di avere un presidente del Consiglio come Giuseppe Conte. Dal giorno del suo insediamento ha dimostrato grande competenza e capacità di dialogo. E grazie al suo impegno e’ stato raggiunto un importante traguardo: il fenomeno migratorio non è più un problema italiano ma europeo. Francia e Malta hanno risposto all’appello del nostro Governo e accoglieranno 100 dei 450 migranti che si trovano sulle due navi militari. A breve, inoltre, arriveranno anche le adesioni di altri Paesi europei”, concludono D’Uva e Patuanelli. 

Saranno consegnati viveri per due giorni alle due navi in attesa al largo di Pozzallo, in Sicilia, con a bordo 442 migranti. I pasti sono in preparazione nel centro di identificazione di Pozzallo. Una motovedetta della Guardia costiera li consegnerà alla nave Protector di Frontex, con a bordo 176 migranti, mentre una motovedetta della Guardia di Finanza li consegnerà al pattugliatore Monte Sperone, l’unità delle Fiamme Gialle che trasporta gli altri 266. A quest’ultima verranno forniti anche omogeneizzati e succhi di frutta per la ventina di minorenni a bordo, che nella notte sono stati visitati da operatori sanitari.

Non è stata ancora presa una decisione per lo sbarco in un porto sicuro dei migranti, che erano stati soccorsi sabato su un barcone nei pressi dell’isola di Linosa. L’Italia ha chiesto una ripartizione con gli altri Paesi dell’Ue e Malta e Francia si sino impegnati ad accoglierne 50 ciascuna.

 

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.