TwitterFacebookGoogle+

Migranti: Renzi, "noi salviamo vite, fiero di essere italiano"

Roma – “Grazie alla Marina Militare, fiero di essere italiano. Lavoriamo tutti i giorni perche’ l’Europa sia all’altezza dei valori che l’hanno fatta grande”. Lo scrive su facebook il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, commentando il recupero del relitto affondato a Lampedusa. “Nel mese di aprile 2015, gli scafisti condussero alla morte settecento persone stipate in una carretta del mare e chiuse a chiave nella stiva – ricorda il premier -. Quell’evento colpi’ molto tutte le persone di buona volonta’. L’Italia chiese allora la convocazione di un consiglio europeo straordinario. E da li’ abbiamo iniziato a cambiare la politica continentale sui migranti, un passo alla volta. Quella nave contiene storie, volti, persone, non solo un numero di cadaveri. Ho dato disposizione alla Marina Militare di andare a recuperare il relitto per dare una sepoltura a quei nostri fratelli, a quelle nostre sorelle che altrimenti sarebbero rimasti per sempre in fondo al mare. L’ho fatto perche’ noi italiani conosciamo il valore della parola “civilta’”. E ci hanno insegnato fin dai primi giorni di scuola che il rispetto per la sepoltura e’ uno dei grandi valori della nostra cultura. Dare una tomba a ciascuno di loro significa restituire il diritto alla memoria. E significa ammonire l’Europa su quali siano i valori che contano davvero. Continuiamo tutti i giorni a cercare di salvare vite umane, anche oggi. Il relitto e’ stato recuperato ieri, quattordici mesi dopo. Grazie alla Marina Militare – conclude Matteo renzi – fiero di essere italiano. Lavoriamo tutti i giorni perche’ l’Europa sia all’altezza dei valori che l’hanno fatta grande”. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.