TwitterFacebookGoogle+

Migranti: Salvini, "invasione pianificata per avere manodopera"

(AGI) – Roma, 21 set. – “Cosa sta accadendo e’ qualcosa di pianificato e organizzato, non credo alle urgenze, alle emergenze, questa e’ un’invasione di massa pianificata, finanziata e organizzata, la dico fuori dai denti nonostante ci vogliano convincere del contrario, per sostituire popoli con popoli, per avere masse di nuova manodopera da sfruttare a tre euro all’ora”. Lo ha detto il segretario della Leganord Matteo Salvini ai microfoni di Rtl. “Una minoranza di queste persone – ha aggiunto – scappa dalla guerra e va accolta, le porte vanno spalancate, chi scappa dalla Siria in guerra ovviamente ed evidentemente va aiutato, non sotto un ponte, ma la maggior parte di queste persone non scappa da nessuna guerra. In Italia arrivano decine di migliaia di nigeriani ad esempio, mentre l’Italia cresce dello 0,7% la Nigeria cresce del 7% e ha un tasso di natalita’ quattro volte superiore al nostro. Semplicemente c’e’ qualcuno che sta spostando popoli da un continente all’altro alla faccia di chi questo continente, questa vecchia Italia, questa vecchia Europa, lo popola. Io accoglierei a braccia spalancate coloro, ed e’ una minoranza, che scappano dalla guerra, uomini, donne e bambini, qua sono soprattutto uomini di 20-25 anni quelli che arrivano, le donne e i bambini sono pochissimi, ma respingerei tutti gli altri. Altrimenti se dici che chiunque ha il diritto di venire in Italia e in Europa fai il danno di tutti, africani, asiatici, italiani. E andrei a risolvere i problemi dove ci sono, come dicono tanti vescovi o tanti anche che scappano dalla Siria: aiutateci a non scappare da casa nostra. Bisogna massacrare l’ISIS, il Califfato Islamico, sia in Libia che in Siria, con le armi, non con il dialogo, con i fiori o con le pacche sulle spalle”. Per Salvini, “La Merkel ha fatto la gran donna per una settimana poi ha chiuso le frontiere perche’ si e’ resa conto che non si puo’ ospitare un continente in Europa, quindi o mettiamo dei limiti e delle regole oppure e’ grigia”. E ancora: “ho incontrato degli imprenditori agricoli in Piemonte- sottolinea il segretario della Leganord – e mi dicono Salvini, sai qual e’ il problema? E’ che qua ci sono migliaia di questi disperati che offrono il loro lavoro a due euro e mezzo all’ora. Sentivo che parlavate di apertura dei negozi sette giorni su sette, io sono perche’ la domenica la gente si possa riposare qualche ora alla famiglia, agli affetti, o a quel che ha, pero’ quando hai la concorrenza sleale di migliaia di persone disperate disposte a svendere il loro lavoro a 3 euro all’ora dove vai? Quanti italiani possono lavorare per 3 euro all’ora? Cosa porti a casa con 3 euro all’ora lordi? Nessuno mi toglie il dubbio – ha concluso – che siano degli arrivi organizzati perche’ convengono a qualcuno”. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.