TwitterFacebookGoogle+

Migranti: scontro Salvini-Renzi Squallido verme, usa il bimbo morto

(AGI) – Roma, 7 set. – E’ scontro al calor bianco tra Matteo Salvini e Matteo Renzi sulla questione dei migranti.

Dai microfoni di ‘Mattino 5’ il leader della Lega attacca a testa bassa il premier dicendo che “un presidente del Consiglio che usa un bambino di tre anni morto su una spiaggia per fare campagna elettorale, dal mio punto di vista e’ un verme“.

“E’ squallido – ha aggiunto il leader del Carroccio – un presidente del Consiglio che insulta la maggioranza degli italiani che chiedono regole, rispetto, sicurezza, tranquillita’, accoglienza per chi scappa veramente dalla guerra, ma l’espulsione per chi non scappa da nessuna guerra”.

“Chi scappa dalla guerra deve essere accolto, ma qui arrivano in maggioranza clandestini”, ha ribadito Salvini. Il leader del Carroccio attacca anche il governo sulla vicenda del Cara di Mineo: “quali cooperative guadagnano milioni di euro grazie al Cara di Mineo?”. La struttura siciliana, ha detto Salvini, “e’ un ex villaggio militare, con villini, aria condizionata, parabola, campi di basket e calcio. Un trattamento gratuito come al Cara di Mineo molti italiani se lo sognano”.

Matteo Salvini dopo aver usato tutte le vittime di questo paese, finge di scandalizzarsi per una foto. #verme è chi il verme fa

— Ernesto Carbone (@ernestocarbone) 7 Settembre 2015

LA REPLICA DEL PD – “Matteo Salvini dopo aver usato tutte le vittime di questo paese, finge di scandalizzarsi per una foto.
  Verme e’ chi il verme fa“. Cosi’ su twitter il deputato Pd Ernesto Carbone.

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.