TwitterFacebookGoogle+

Milano: vicesindaco sbatte la porta, "difficolta' insormontabili"

(AGI) – Milano, 14 lug. – Oggi il Vicesindaco e assessore all’Urbanistica, Edilizia privata e Agricoltura, Ada Lucia De Cesaris, ha rassegnato la proprie dimissioni dalla giunta di Palazzo Marino. “Si tratta di una decisione presa dopo approfondite riflessioni sugli ultimi mesi di lavoro, che hanno messo in evidenza difficolta’ non piu’ sormontabili nella prosecuzione della mia attivita’ amministrativa per il venir meno del rapporto di fiducia con una parte della maggioranza in Consiglio comunale” spiega De Cesaris in una nota. “Soprattutto in vista delle importanti scelte che attendono la giunta in quest’ultima fase del proprio mandato, che richiedono una grande coesione e la massima condivisione politica possibile, ho ritenuto opportuno rimettere le deleghe”. “Penso di aver svolto e portato a compimento il mandato per il quale sono stata nominata” continua l’assessore dimissionario. “Un mandato che ha comportato sfide impegnative ed il raggiungimento di importanti risultati, per i quali voglio ringraziare tutti i miei collaboratori e i lavoratori della pubblica amministrazione, che con impegno, cordialita’ ed affetto hanno condiviso con me progetti, battaglie ed obiettivi”. Infine un pensiero per il sindaco: “Voglio inoltre ringraziare il Sindaco Giuliano Pisapia, che mi ha offerto un’occasione straordinaria e che ha fatto di Milano una citta’ in grado di volare, al centro dell’attenzione internazionale”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.