TwitterFacebookGoogle+

Mille detenuti a San Pietro, Papa "ipocrita chi pensa carcere unica via"

di Salvatore Izzo

CdV – Mille detenuti e 4mila tra familiari, agenti di custodia e volontari partecipano al Giubileo delle Carceri in San Pietro con Papa Francesco. Quando si parla di giustizia e prevenzione dei crimini “non si pensa alla possibilità di cambiare vita, c’è poca fiducia nella riabilitazione”. Papa Francesco ha dovuto constatarlo in questo Giubileo della Misericordia, aperto con la richiesta dell’amnistia e che si conclude senza che sia stata concessa. “A volte – ha spiegato ai 1000 detenuti che hanno partecipato in San Pietro alla messa per il Giubileo delle carceri – una certa ipocrisia spinge a vedere in voi solo delle persone che hanno sbagliato, per le quali l’unica via è quella del carcere“. Secondo Francesco, “in questo modo si dimentica che tutti siamo peccatori e, spesso, siamo anche prigionieri senza rendercene conto”. “Quando si rimane chiusi nei propri pregiudizi, o si è schiavi degli idoli di un falso benessere, quando ci si muove dentro schemi ideologici o si assolutizzano leggi di mercato che schiacciano le persone, in realtà – ha osservato il Pontefice – non si fa altro che stare tra le strette pareti della cella dell’individualismo e dell’autosufficienza, privati della verità che genera la libertà”.

“Non dipende da me poterla concedere”, dice Francesco parlando dell’amnistia, da lui richiesta un anno fa ai governi e parlamenti di tutti i paesi del mondo nella lettera sulle modalità per la celebrazione dell’Anno Santo Straordinario. “Suscitare in ognuno di voi il desiderio della vera libertà è un compito – ha spiegato – a cui la Chiesa non può rinunciare”. “La speranza non puo’ essere tolta a nessuno, perché è la forza per andare avanti; è la tensione verso il futuro per trasformare la vita; è una spinta verso il domani, perché l’amore con cui, nonostante tutto, siamo amati, possa diventare nuovo cammino… Ogni volta che entro in un carcere mi domando perché loro e non io? Tutti abbiamo la possibilità di sbagliare“.

Secondo Francesco, “puntare il dito contro qualcuno che ha sbagliato non può diventare un alibi per nascondere le proprie contraddizioni. Nessuno davanti a Dio può considerarsi giusto ma nessuno può vivere senza la ceretezza di trovare un perdono. Oggi – ha continuato – celebriamo il Giubileo della Misericordia per voi e con voi, fratelli e sorelle carcerati”. “E’ con questa espressione dell’amore di Dio, la misericordia, che sentiamo il bisogno di confrontarci”, ha spiegato Francesco. E anche se “il mancato rispetto della legge ha meritato la condanna; e la privazione della libertà è la forma più pesante della pena che si sconta, perché tocca la persona nel suo nucleo più intimo” nell’ottica del Vangelo, ha spiegato, “la speranza non può venire meno. Una cosa, infatti, è ciò che meritiamo per il male compiuto; altra cosa, invece, è il ‘respiro’ della speranza, che non puo’ essere soffocato da niente e da nessuno. Il nostro cuore sempre spera il bene; ne siamo debitori alla misericordia con la quale Dio ci viene incontro senza mai abbandonarci”. “Il Giubileo, per sua stessa natura, porta con se’ l’annuncio della liberazione.

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.